Pratovecchio Stia

Pratovecchio Stia, il banco di solidarietà distribuisce 9 tonnellate di aiuti in un anno

Sabato 28 novembre torna su scala nazionale la giornata del banco alimentare. Anche in Alto Casentino, da alcuni anni, è attivo un gruppo di volontari e sostenitori del “banco di solidarietà”, che operando fra Pratovecchio e Stia, appunto...

Sabato 28 novembre torna su scala nazionale la giornata del banco alimentare. Anche in Alto Casentino, da alcuni anni, è attivo un gruppo di volontari e sostenitori del "banco di solidarietà", che operando fra Pratovecchio e Stia, appunto nell'ambito del Banco Alimentare, cerca di dare risposte ai bisogni di famiglie in difficoltà. E quest'anno è stato possibile migliorare il risultato, con un incoraggiante + 34% nei dati di raccolta. Nei giorni scorsi è stato infatti distribuito a cura della Caritas il rendiconto dell'attività del banco di solidarietà dal 29 novembre 2014 al 1. novembre 2015. In questo periodo il banco di solidarietà altocasentinese ha distribuito 89 quintali di generi alimentari a lunga conservazione, con un netto incremento rispetto agli anni passati. Nel 2014 infatti si arrivò a quota 6.610 kg, nel 2013 furono 7.562, mentre nel 2012, la raccolta si fermò a quota 4.052 kg.

Grazie alla generosità di chi ha donato (privati cittadini ma anche associazioni ed Enti del territorio e della vallata), è stato possibile distribuire oltre 500 pacchi spesa a famiglie bisognose, anche qui registrando un incremento rispetto ai 379 pacchi dell'anno prima. Sono peraltro in aumento anche le famiglie con bisogno di aiuti, sia come nuclei che come numero dei componenti, ma resta il dato dell'ottimo lavoro fatto dai volontari, che si avvalgono fra l'altro anche di donazioni - sempre possibili - fatte in chiesa, oltre alle raccolte organizzate presso negozi di Pratovecchio Stia e l'apporto decisivo del banco alimentare di Arezzo e di Firenze. Fra i generi più donati troviamo il latte e la pasta, ma anche legumi, pomodori pelati, scatolame vario a lunga conservazione, biscotti, riso, olio, alimenti per bambini e neonati. Al 31 ottobre scorso, giorno della "fotografia" scattata sulla statistica 2015, il banco di solidarietà aveva in magazzino ancora circa l'8% dei prodotti raccolti, per ricominciare la nuova stagione con la raccolta di sabato prossimo. Il banco alimentare è una delle realtà che nel Comune di Pratovecchio Stia sono andate a costituire la Consulta del Volontariato, nella quale le associazioni - senza perdere le proprie specificità e continuando ad agire nei rispettivi campi - hanno fatto sinergia per unire gli sforzi verso obiettivi concordati e divisi appunto fra i vari soggetti presenti.

"Questo modo di fare rete - commenta l'assessore alle politiche sociali Sonia Amadori - è l'obiettivo primario che ci eravamo posti nel costituire la Consulta, e rappresenta un ottimo inizio nel cammino di fusione delle comunità che deve seguire quello degli Enti. Ringrazio tutti sia per i risultati che commentiamo oggi che per l'apporto quotidiano inteso a lavorare tutti insieme per il bene comune"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pratovecchio Stia, il banco di solidarietà distribuisce 9 tonnellate di aiuti in un anno

ArezzoNotizie è in caricamento