menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Podere Rota, confermato l'ampliamento. Due comuni a favore, 7 contro: "Interessi privati, non pubblici"

L'incontro si è tenuto 2 giorni fa: è stato confermato da parte dell’assessore Monni l’avvio di un procedimento autorizzativo a seguito della richiesta di ampliamento di Podere Rota, per rifiuti speciali e urbani, per un totale di 900mila tonnellate da smaltire tra il 2022 e il 2027

La Regione conferma la volontà di ampliare Podere Rota: è quanto emerso dall'incontro tra l'ex Ato, oggi Aor (Area ottimale del Valdarno), l’assessore regionale all’ambiente, Monia Monni, e i comuni della vallata. Sette di loro hanno espresso piena contrarietà al progetto. L'incontro si è tenuto 2 giorni fa: è stato confermato da parte dell’assessore Monni l’avvio di un procedimento autorizzativo a seguito della richiesta di ampliamento di Podere Rota, per rifiuti speciali e urbani, per un totale di 900mila tonnellate da smaltire tra il 2022 e il 2027. Si sono espressi per il no San Giovanni Valdarno, Cavriglia, Montevarchi, Castelfranco-Piandiscò, Bucine, Capolona, Loro Ciuffenna. Due quelli favorevoli: Terranuova Bracciolini, sede dell’impianto, e Castiglion Fibocchi.

Con una nota il Comune di Loro Ciuffenna ha detto: "Considerando i quantitativi di rifiuti ancora prodotti dal territorio valdarnese e consapevoli del futuro periodo di chiusura per lavori di rafforzamento del termovalorizzatore di San Zeno eravamo aperti ad un dialogo su un ampliamento per un tempo limitato e funzionale a recepire il fabbisogno del territorio. Questo ampliamento, per tempi, quantità e tipologia (rifiuti speciali provenienti in maggior parte da fuori regione) è invece al servizio esclusivo dei soci di maggioranza della discarica. Auspichiamo che la Regione Toscana recepisca le richieste dei vari Comuni valdarnesi, preoccupati dalla sofferenza di cittadini e un territorio provato dalla presenza di una discarica che da decenni riceve rifiuti provenienti da varie aree del paese".

La nota di San Giovanni Valdarno

Ferma la posizione del sindaco di San Giovanni Valdarno, Valentina Vadi: “La necessità per questo territorio di avviare un’inchiesta pubblica sul progetto di ampliamento della discarica di Podere Rota, resta una priorità su cui il Comune di San Giovanni Valdarno intende andare avanti. La disponibilità ad accogliere la nostra proposta, prevista dal Testo Unico sull’Ambiente, registrata da parte dell’assessorato all’ambiente della Regione Toscana durante l’incontro di mercoledì 2 dicembre promosso dall’Aor, è senz’altro un primo segnale positivo. Un passo avanti importante per dare seguito a una discussione pubblica strutturata nell’ambito del procedimento di valutazione di impatto ambientale. Durante l’incontro di mercoledì 2 dicembre sette Comuni del territorio hanno espresso la totale contrarietà al progetto di ampliamento presentato da Csai il 19 ottobre: San Giovanni Valdarno, Cavriglia, Montevarchi, Castelfranco-Piandiscò, Bucine, Capolona, Loro Ciuffenna; due quelli favorevoli: Terranuova Bracciolini, sede dell’impianto, e Castiglion Fibocchi – continua il sindaco Vadi - Una posizione di chiara e prevalente contrarietà da parte del territorio di cui la Regione Toscana credo debba tener conto: senza nascondere le proprie prerogative e responsabilità dietro una procedura tecnico/amministrativa, e ascoltando, invece, la voce e la volontà dei Sindaci del Valdarno. Ricordo che in Valdarno a partire  dagli anni 70 con la discarica a fuoco perenne di Santa Lucia, poi Tegolaia e Forestello a Cavriglia, e infine Podere Rota, contiamo cinquant’anni di rifiuti. Una storia che ci consente di dire che abbiamo già pagato un prezzo altissimo e che intendiamo affermare  il diritto di autodeterminazione di un territorio intero a stabilire modi e forme del proprio sviluppo ambientale. Pertanto ribadisco che  la discarica di Podere Rota deve chiudere nel 2021, all’esaurimento dei volumi attuali. Si tratta di un sito nato alla fine degli anni ottanta con contributi pubblici e con finalità pubbliche: per lo smaltimento dei rifiuti urbani non solo del Valdarno o della provincia di Arezzo ma di un territorio ben più vasto. Dal 2011, infatti, con il primo accordo interambito tra Ato Sud ed Ato Centro la discarica di Podere Rota ha garantito lo smaltimento dei rifiuti urbani dell’area fiorentina in attesa della realizzazione dell’impianto di Case Passerini, mai realizzato e stralciato dalla pianificazione regionale, consentendo ad un Ato non autosufficiente per mancanza di impianti, di smaltire i propri rifiuti all’interno della Regione e non dover trovare siti di conferimento al di fuori della Toscana – chiarisce il sindaco Vadi – Il progetto presentato cambia profondamente la funzione e le finalità della discarica: Csai chiede un ampliamento di 800 mila metri cubi per rifiuti speciali non pericolosi e non si menzionano più i rifiuti urbani. Dunque la discarica di Podere Rota, con il nuovo ampliamento, non avrà più una finalità pubblica, ma solo una finalità privata che, nei termini in cui è posta, potrà continuare e continuerà sicuramente all’infinito, richiedendo un nuovo ampliamento alla fine dei sette anni previsti da questo progetto. Il nostro territorio per oltre trent’anni si è messo a disposizione per smaltire i rifiuti di una porzione importante di questa regione, e adesso ha il diritto di scegliere quello che dovrà essere il suo futuro in termini ambientali e di sviluppo sostenibile. E un nuovo ampliamento della discarica per rifiuti speciali non pericolosi non è il futuro che il Valdarno vuole”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento