Sabato, 12 Giugno 2021
Casentino

Trasformare un ex fienile in un alloggio per turisti disabili: la sfida di “Un tetto per tutti”

Il progetto, promosso dalla onlus toscana FondazioneAlice, è protagonista di una campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Turismo e disabilità sono due termini che spesso vengono considerati antitetici, soprattutto se si tratta di permettere alle persone diversamente abili di viaggiare in autonomia. Eppure, creare spazi accessibili e inclusivi rappresenta un'importante sfida per il settore del turismo, cui offrirebbe un indubbio valore aggiunto. Partendo da questo presupposto, la Onlus toscana FondazioneAlice ha promosso il progetto “Un tetto per tutti”, lanciando una campagna di raccolta fondi dedicata su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation.

Obiettivo, trasformare un ex fienile adiacente alla sede della fondazione in un punto di riferimento per l'accoglienza di turisti disabili. “Un tetto per tutti” non sarà solo un luogo fisico, ma anche un’impresa sociale, gestita da un team di lavoro composto da persone disabili e non, che lavorerà quotidianamente per rendere versatile e aperta a tutti questa forma di accoglienza, unica nel suo genere. Presso la struttura, le persone affette da disabilità - anche grave - potranno soggiornare, ricevendo l’assistenza necessaria, godendosi in totale relax la magica atmosfera della valle del Casentino, uno dei luoghi più suggestivi della Toscana; gli ospiti saranno anche coinvolti in attività culturali, con proposte legate alla scoperta dei borghi medievali della zona, e inclusive, come progetti dedicati all’apprendimento di attività agricole e zootecniche. Contribuendo alla campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso sarà possibile trasformare “Un tetto per tutti” in realtà: se il progetto riuscirà a raggiungere l’obiettivo economico dei 45.000 euro di fondi raccolti, infatti, si potranno portare a termine i lavori di ristrutturazione del fienile, che prevedono il rifacimento di tetto e pavimento, l’installazione degli impianti idraulico, elettrico e di riscaldamento e la coibentazione delle pareti. Qualora si riuscisse a raccogliere una cifra maggiore, i fondi extra verranno impiegati per la costruzione di una passerella - percorribile anche da persone con mobilità ridotta - che permette di raggiungere un suggestivo laghetto adiacente al fienile. La campagna, inserita nel network di Banca Etica, è sostenuta anche da Euregio Plus SGR spa grazie al contributo di solidarietà degli aderenti al Fondo Pensione Aperto PensPlan Profi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasformare un ex fienile in un alloggio per turisti disabili: la sfida di “Un tetto per tutti”

ArezzoNotizie è in caricamento