Una lira per tre vite: il libro verità sul massacro di Sante Tani firmato da Santino Gallorini e Enzo Gradassi

Il testo arriva a poco più di un mese di distanza dalla scomparsa di uno dei due autori. Enzo Gradassi, venuto a mancare il 17 maggio scorso

È uscito oggi, 27 giugno, il libro "Una lira per tre vite". Un lavoro che porta la firma di Santino Gallorini e Enzo Gradassi i quali lo hanno pubblicato con le case editrici Fuori Onda Libri di Arezzo e Effigi di Arcidosso. Un'opera a quattro mani che ricostruisce la complessa vicenda conclusasi con l'uccisione di Sante e Giuseppe Tani oltre che Aroldo Rossi.

Il testo arriva a poco più di un mese di distanza dalla scomparsa di uno dei due autori. Enzo Gradassi, venuto a mancare il 17 maggio scorso, aveva da sempre dedicato particolare attenzione ed energie a questo triste e cruento avvenimento accaduto poco prima della liberazione della città dalle truppe nazifasciste. Grazie al supporto prezioso di Santino Gallorini, appassionato conoscitore e studioso della storia locale, vengono ricostruiti fatti, luoghi e protagonisti in ogni loro sfaccettatura.

"Enzo ci ha lasciato pochi giorni dopo aver consegnato il nostro lavoro all'editore - racconta Santino Gallorini - avrebbe voluto farlo uscire il 15 giugno in occasione del 76esimo anniversario dell'uccisione dei fratelli Tani e Aroldo Rossi. Purtroppo, per una serie di circostanze, la pubblicazione è slittata di qualche giorno. Abbiamo lavorato alacremente e con passione a questo libro districandoci in un groviglio di bugie, omissioni e depistaggi, riuscendo poi a chiarire tutti gli aspetti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una lira per tre vite

Il 15 giugno 1944, trentuno giorni prima della liberazione di Arezzo, l'avvocato Sante Tani, figura di riferimento del CLN locale, il fratello don Giuseppe Tani e il partigiano Aroldo Rossi, vengono massacrati nel carcere della città dai repubblichini. A un passo dalla libertà, il piano studiato per la loro salvezza fallisce. Santino Gallorini e Enzo Gradassi, che hanno potuto accedere a documenti d'archivio finora non disponibili, ricostruiscono nei minimi dettagli, attraverso i diversi protagonisti e il loro ruolo spesso controverso, gli ultimi giorni e le ultime ore di una vicenda orribile quanto, apparentemente, incomprensibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento