rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Politica

“Più sicurezza per la sr71? Troppi incidenti e lutti”. L'appello di Veneri e Capecchi

“Sono dovuti intervenire i sindaci di Subbiano e Capolona per sollecitare il Prefetto di Arezzo. Come Fratelli d’Italia interesseremo il Governo”

"Prefetto e Provincia di Arezzo convochino un tavolo per la sicurezza della Sr71”. L’appello è quello lanciato dai consiglieri regionali di Fratelli d’Italia, Gabriele Veneri e Alessandro Capecchi che tornano a porre l’accento sulla questione riguardante la sicurezza stradale lungo regionale che attraversa l’Aretino.

“Troppi incidenti e troppi lutti - sottolineano Veneri e Capecchi - Ci siamo occupati di questa arteria stradale con atti specifici e sopralluoghi. Serve un ammodernamento della Sr71, una tale viabilità compromette lo sviluppo economico di molte aziende e imprese della vallata. Le infrastrutture devono essere una priorità, non possiamo permetterci di continuare ad avere una mobilità da terzo mondo. Per garantire sicurezza e affidabilità, la provincia di Arezzo e la Toscana hanno bisogno di interventi strategici e funzionali. Ribadiamo le nostre richieste rimaste inascoltate da parte della Regione: dai dissuasori di velocità alle aree di sosta per i bus, dai cartelloni informativi alla segnaletica, ad una maggiore illuminazione, alla realizzazione di marciapiedi e adeguati attraversamenti pedonali. I residenti del Casentino e della Valdichiana sono costretti a fare slalom tra cantieri, restringimenti, interruzioni e rimane troppo alto il tasso di incidentalità. Purtroppo, la Sr71, come anche altre infrastrutture regionali, mostra gravi limiti progettuali: è una strada realizzata nel 1966 e non è più adatta agli attuali volumi di traffico. E, perciò, necessaria una riflessione sul futuro delle infrastrutture regionali troppo vecchie per le esigenze odierne”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Più sicurezza per la sr71? Troppi incidenti e lutti”. L'appello di Veneri e Capecchi

ArezzoNotizie è in caricamento