menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Letta possibile candidato in Toscana: 5 comuni aretini al voto. Meacci e Brandi: "Bene, ma il territorio sia coinvolto"

Torna d'attualità il dibattito sulla candidatura alle elezioni suppletive per il seggio senese (e in parte aretino) lasciato vacante da Padoan. Dopo il nome di Conte, ormai superato, si parla del neosegretario del Pd. Il parere di due membri della direzione regionale Dem

Subito dopo le dimissioni da presidente del Consiglio, era circolata l'ipotesi della candidatura di Giuseppe Conte con il centrosinistra per il seggio rimasto vacante in Parlamento a seguito delle dimissioni di Pier Carlo Padoan, che il 4 novembre 2020 aveva lasciato perché scelto come nuovo presidente di UniCredit. In particolare, il seggio è quello di Siena (ma comprende anche 5 comuni aretini): se ne era parlato molto, ma l'ipotesi non aveva convinto il territorio, in molti si erano espressi in maniera scettica sull'argomento. Tramontata l'ipotesi, visto che Conte ha poi accettato l'invito ad entrare nel Movimento 5 Stelle, è sorta un'altra possibilità: la candidatura di Enrico Letta, neo segretario del Partito Democratico. Un'eventualità che raccoglie, nell'Aretino, già adesioni.

Il voto in autunno e i comuni interessati

Le elezioni suppletive si terranno in autunno (tra il 15 settembre e il 15 ottobre, pandemia permettendo) e sono 35 i comuni chiamati al voto, di questi 5 sono aretini: Lucignano, Castiglion Fiorentino, Cortona, Foiano della Chiana e Marciano della Chiana. Ci sono poi trenta comuni senesi: Abbadia San Salvatore, Asciano, Buonconvento, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Castiglione d'Orcia, Cetona, Chianciano Terme, Chiusdino, Chiusi, Gaiole in Chianti, Montalcino, Montepulciano, Monteriggioni, Monteroni d'Arbia, Monticiano, Murlo, Piancastagnaio, Pienza, Radda in Chianti, Radicofani, Rapolano Terme, San Casciano dei Bagni, San Quirico d'Orcia, Sarteano, Siena, Sinalunga, Sovicille, Torrita di Siena e Trequanda.

L'intervento a sostegno di Letta

Sul tema della candidatura di Enrico Letta si esprimono oggi Marco Meacci e Paolo Brandi, membri della direzione regionale del Pd, ed espressione della Valdichiana aretina interessata dalla scelta.

"Da più parti - spiegano - arriva la notizia che Enrico Letta, neosegretario del Pd, potrebbe candidarsi nel collegio 12 della Regione Toscana, di cui siamo cittadini ed elettori. Un collegio che ricomprende buona parte della provincia di Siena e una porzione della Valdichiana aretina. La candidatura del segretario del Pd è, a nostro avviso, una buona notizia, perché crediamo che Letta possa degnamente rappresentare, così come avvenuto in passato per altri candidati come Rosy Bindi, il territorio e le sue istanze. Un territorio, è bene ricordarlo, assai variegato dal punto di vista economico e sociale e che vede al suo interno cinque comuni aretini, con circa un quarto dell’elettorato complessivo. In tal senso Letta in questa fase difficile oltre a portare un indubbio contributo di capacità potrebbe tra l’altro contribuire a sopperire alla assenza di rappresentanti aretini del Pd al parlamento.  Per questo l’eventuale candidatura di Letta va vista come una grande opportunità di discussione e di rilancio politico di un territorio e di una provincia che hanno il vitale bisogno di una svolta. La sua figura, importante dal punto della rappresentanza e altrettanto forte sul piano della competenza, avrà, ne siamo convinti, il sostegno di tantissime persone. Tuttavia, visto il dibattito che si è aperto recentemente su ipotetiche candidature nel collegio, con una richiesta esplicita di coinvolgimento dei territori, crediamo che, per rispondere alle istanze di partecipazione e condivisione, di cui anche Letta si è fatto interprete, sia giusto che della sua canditura si discuta e si decida nelle realtà locali in raccordo con le Federazioni Pd di Siena e Arezzo, con l’obbiettivo di coinvolgere non solo i partiti ma prima di tutto i cittadini. I problemi della nostra zona sono infatti molti, alcuni accentuati dalla pandemia: ci sono i temi legati al rilancio delle piccole e medie imprese, del turismo, dei centri storici, delle infrastrutture, della sanità, della agricoltura. Su questi argomenti occorre costruire insieme al candidato, un programma ampio e condiviso. Auspichiamo che se Enrico Letta sarà davvero, come noi ci auguriamo, il candidato del collegio, si faccia carico dei problemi e delle aspettative di tante persone e di tante categorie economiche e sociali. Aggiungiamo che sarebbe importante che sulla sua candidatura si vada a costruire un vasto schieramento di forze alternative alla destra, basato su di un programma di consolidamento delle alleanze e di condivisione di progetti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento