ArezzoNotizie

Nuès e Paolo Benvegnù in concerto a Monte San Savino

Giovedì 15 luglio, presso il Teatro all'aperto di Monte San Savino, secondo appuntamento con la stagione teatrale estiva del Teatro Verdi con il concerto di Paolo Benvegnù. Apertura a cura del gruppo Nuès. Inizio ore 21:15.A cura di Comune di Monte San Savino, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Officine della Cultura e A.S. MonteServizi.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Giovedì 15 luglio, alle ore 21:15, il Teatro all’aperto di Monte San Savino, nel cortile rinascimentale all’interno di Palazzo di Monte, ospiterà il ritorno in Valdichiana di uno tra i più interessanti cantautori italiani: Paolo Benvegnù. Il fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative-rock italiano, sarà a Monte San Savino con il suo nuovo gruppo ospite della stagione teatrale estiva del Teatro Verdi a cura di Comune di Monte San Savino, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Officine della Cultura e A.S. MonteServizi. L’evento, realizzato nell’ambito del progetto Z Generation meets Music a cura di Officine della Cultura in collaborazione con Arezzo che Spacca e con il contributo di Fondazione CR Firenze, porterà sul palco del Teatro all’aperto Luca Roccia Baldini (basso e tastiera vox), Daniele Berioli (batteria), Gabriele Berioli (chitarra) e Saverio Zacchei (trombone). L’ultimo album firmato da Paolo Benvengù, “Dell’odio dell’innocenza”, è stato finalista al Premio Tenco 2020. Il concerto sarà aperto dal duo Nuès composto da Silvia Lovicario (voce, vola da gamba) e Francesco Baiguera (chitarra elettrica), per un evento realizzato nell’ambito del progetto Glocal Sound, giovane musica d’autore in circuito a cura di Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Nùes (ovvero nuvole, in sardo) è un progetto che parla di incontri. Come la creazione di una nuvola si genera da correnti d’aria diverse, così in questo duo si percepisce la compresenza di molteplici anime. Momenti più delicati e consueti si alternano senza soluzione di continuità a istanti bizzarri e talvolta rabbiosi. Chitarre distorte dialogano senza timore con delicate arcate della viola da gamba, muovendosi sopra uno sfondo creato da composizioni originali e brani di varia estrazione, ponendo come aperto l'antico dialogo tra novità e tradizione, tra una regola e la sua infrazione. Ingresso: intero € 15; ridotto € 12,00. Ulteriori informazioni e prevendita presso Officine della Cultura, Via Trasimeno 16, Arezzo - tel. 0575 27961 – 3388431111 – biglietteria@officinedellacultura.org – www.officinedellacultura.org. Prevendita online presso Circuito Boxoffice Toscana e www.ticketone.it. La stagione teatrale del Teatro Verdi di Monte San Savino è a cura di Comune di Monte San Savino, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Officine della Cultura e A.S. MonteServizi, in collaborazione con Rete Teatrale Aretina e RAT Residenze Artistiche Toscane. La stagione del Teatro Verdi di Monte San Savino può andare in scena anche grazie al sostegno di Coingas SpA, Lapi, Italfimet e Sapori della Valdichiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuès e Paolo Benvegnù in concerto a Monte San Savino

ArezzoNotizie è in caricamento