menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giorno della Memoria, il ricordo delle atrocità un bagaglio di vita per le nuove generazioni

Furono i soldati dell'Armata Rossa che il  27 gennaio  1945 varcarono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. Molti i superstiti che con i loro racconti hanno fatto conoscere alle nuove generazioni la guerra e le torture praticate...

Furono i soldati dell'Armata Rossa che il 27 gennaio 1945 varcarono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. Molti i superstiti che con i loro racconti hanno fatto conoscere alle nuove generazioni la guerra e le torture praticate all'interno del campo. In questa giorno si ricordano le atrocità del genocidio nazista a cui furono sottoposti bambini, donne, uomini, ebrei, zingari, omosessuali e tutti coloro che potevano contaminare la "razza ariana". Perché ricordare? E' attraverso il ricordo che la storia si anima e diventa bagaglio di vita per le nuove generazioni. Nel ricordo sta anche la speranza che tutto ciò non si ripeta. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro, che si impegnano ad organizzare iniziative legate al Giorno della Memoria e non solo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento