Bimbo aretino nasce con l'intestino nel torace: salvato con rarissimo intervento

Il piccolo è stato operato per tre ore all'ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena: gli organi interni sono stati riposizionati grazie alla chirurgia mini-invasiva. Tempestivo l'operato dei medici di Arezzo subito dopo la nascita

Una catena fatta di tempestività e competenze, dalla nascita al termine della delicata operazione. Così un neonato aretino che presentava una grave malformazione è stato salvato: decisiva la collaborazione tra le strutture dell'ospedale San Donato di Arezzo, dove il piccolo è nato e dove i sanitari si sono attivati per stabilizzarlo e metterlo in sicurezza, e il Santa Maria alle Scotte di Siena, dove il bambino è stato poi operato. Un intervento complesso e tra i pochi in Italia che ha permesso di far continuare a vivere un bimbo nato con gli organi addominali nel torace a causa di un’ernia diaframmatica.

Un'operazione di chirurgia mini-invasiva: 3 piccoli fori

L'operazione è stata effettuata dall’équipe di Chirurgia pediatrica, diretta dal professor Mario Messina, in collaborazione con l’ospedale di Arezzo.

"Appena nato – spiega il professor Messina – i colleghi di Arezzo si sono subito resi conto del problema e si sono attivati per stabilizzare il distress respiratorio del bambino, mettere in sicurezza il piccolo e organizzare il trasferimento a Siena. Il neonato – prosegue Messina – è stato operato in toracoscopia, una procedura chirurgica mininvasiva che con tre fori nell’addome, due da 3 millimetri e uno da 5 millimetri, ha permesso di riposizionare gli organi interni, in particolare spostando dal torace il colon e l’intestino e mettendoli al loro posto nell’addome, e di chiudere l’ernia diaframmatica che metteva in collegamento il torace con l’addome".

L'intervento è durato circa tre ore: ora tornerà ad Arezzo

L’intervento - fanno sapere dalle Scotte - è stato eseguito dal professor Francesco Molinaro con la dottoressa Rossella Angotti, insieme all’anestesista Tommaso Bacconi e agli infermieri Roberta Piazzi e Angelo De Lucia. Con loro, tutto il personale di sala operatoria.

"L’intervento – aggiunge il professor Molinaro – è durato circa tre ore ed è stato tecnicamente complesso perché gli spazi per le manovre operatorie erano molto ridotti e le difficoltà respiratorie presenti erano importanti, ma abbiamo preferito l’utilizzo della chirurgia mininvasiva perché questa procedura consente un più rapido decorso operatorio e una miglior risposta da parte del piccolo paziente. Dopo un ricovero in Terapia Intensiva Neonatale, affidato alle cure dell’équipe della dottoressa Barbara Tomasini, il piccolo ha iniziato a mangiare e dopo pochi giorni è tornato a casa. Il follow up sarà seguito dai colleghi di Arezzo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo entro il 9 novembre. Possibili restrizioni nella mobilità tra Regioni

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • Schianto frontale tra un furgone e un bus di linea: c'è un ferito grave

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

  • Coronavirus, marito e moglie muoiono a distanza di 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento