I treni regionali e gli "inchini" all'alta velocità, la Regione scrive a Toninelli: "Situazione inaccettabile"

Ceccarelli: "Nonostante i nostri appelli altri 9 servizi Av aggiuntivi sono stati messi in programmazione lungo la Direttissima"

 "La Regione Toscana guarda con grande preoccupazione all'evoluzione del servizio ferroviario lungo la dorsale appenninica, con particolare riferimento al proliferare senza soluzione di continuità di servizi alta velocità (Av)", così inizia la lettera inviata dall'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli al Ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli, in accordo con i Comitati pendolari della Toscana, per protestare contro le interferenze tra il traffico ferroviario regionale e i treni AV.

"Nonostante i nostri appelli all'Autorità di Regolazione (Art) ai gestori dell'infrastruttura e al Ministero da lei rappresentato  - continua l'assessore - altri 9 servizi Av aggiuntivi sono stati messi in programmazione lungo la Direttissima, impattando pesantemente sul sistema dei trasporti regionali. Sono stati, in questo modo, vanificati anche i recuperi di puntualità registrati nei primi mesi del 2019, dopo due anni di arretramento delle performance dei treni regionali, ma anche di quelli Av".

"La situazione è inaccettabile  - aggiunge Ceccarelli - e genera malumori e proteste, del tutto legittimi, da parte dei comitati di pendolari della linea direttissima e non solo. Purtroppo, infatti, stiamo anche assistendo in questi mesi ad un calo consistente dell'attività manutentiva e di sviluppo tecnologico avviata da Rfi, negli anni precedenti in Toscana, anche e soprattutto in parallelo agli importanti investimenti fatti dalla Regione, con risorse tratte dal proprio bilancio, per sostenere interventi infrastrutturali di pertinenza statale, ma fondamentali per i servizi regionali. Un esempio per tutti, il raddoppio della tratta Pistoia-Lucca, nella quale la Regione ha investito 235 milioni di euro".

La lettera, inviata ieri tramite posta certificata, prosegue trattando altri temi tra cui il contrato di servizio che lega la toscana a Trenitalia, il rinnovo del parco mezzi in servizio sulle linee ferroviarie regionali, il decadimento delle infrastrutture ferroviarie lungo le vecchie linee diesel, che provoca riatrdi e influisce sull'efficienza del servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per affrontare questi temi  - conclude Ceccarelli - ed individuare insieme possibili soluzioni, le chiedo un incontro a breve, alla presenza dei rappresentanti dei comitati dei pendolari e delle associazioni consumatori al fine di poterle rappresentare lo stato delle cose e individuare insieme risposte concrete ai problemi esistenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento