Attualità

Permessi di soggiorno: rilasci in calo. Ad Arezzo diminuiscono dell'11,6%, i dati della Toscana per provincia

Dopo Prato, Arezzo è la provincia Toscana dove la percentuale di permessi di soggiorno per cittadini non comunitari si è ridotta di più. Meno nulla osta rilasciati anche se gli arrivi non sono diminuiti. A rivelarlo sono i dati elaborati...

multuietnie-stranieri

Dopo Prato, Arezzo è la provincia Toscana dove la percentuale di permessi di soggiorno per cittadini non comunitari si è ridotta di più.
Meno nulla osta rilasciati anche se gli arrivi non sono diminuiti.
A rivelarlo sono i dati elaborati all'interno del rapporto "Permessi di soggiorno: presenze e nuovi arrivi in Toscana anni 2016-2017" curato dal settore "Sistema informativo di supporto alle decisioni. Ufficio regionale di statistica" della Regione Toscana, realizzato sulla base dell'analisi dei dati Istat forniti dal Ministero dell'Interno relativi agli indicatori che misurano presenza e nuovi ingressi dei cittadini non comunitari.

Ma veniamo ai numeri.
Rispetto al 2016, al 1° gennaio 2017, i cittadino non comunitari che vivono in Toscana con un regolare permesso di soggiorno sono calati del 4,3%. Le nazionalità più popolose sono: Cina, Albania e Marocco per un totale di 317 mila 691 persone, di cui 152 mila 492 donne (il 48,7%) e 69 mila 892 minori (il 22%).
Stando al report toscano, la diminuzione dei cittadini non comunitari riguarda tutte le province ma in particolare quelle di Prato (-11,8%), Arezzo (-11,6%), Pisa (-6,5%) e Siena (-5%). In crescita costante dal 2014 al 2017 il numero di coloro che hanno un permesso a tempo indeterminato: in percentuale sul totale dei permessi di soggiorno, da 56,2% del 2014 al 60,6% del 2017(prospetto 1). Nel 2016 i nuovi ingressi restano sostanzialmente invariati rispetto al 2015 e si consolida anche la composizione dei nuovi ingressi che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Sono alcuni dei dati che emergono



Il calo dei permessi di soggiorno fra il 1 gennaio 2016 e il primo gennaio 2017 riguarda in misura maggiore le regioni del Centro-Nord, tra cui la Toscana.

Sulle motivazioni del permesso di soggiorno, al primo posto c'è il ricongiungimento familiare, al secondo posto l'asilo e la protezione umanitaria (28,4% del permessi). I principali paesi di cittadinanza delle persone in cerca di asilo e protezione umanitaria in Toscana sono: Nigeria, Pakistan e Senegal che insieme coprono il 44% dei flussi in ingresso per questa motivazione. La motivazione del lavoro continua, anche nel 2016, a mantenere un valore minimo: solo il 4,4% del totale dei nuovi permessi, in ulteriore diminuzione rispetto al 2015.




Per quanto riguarda il panorama aretino al 1° gennaio 2017 sono risultati essere 20.292 i permessi di soggiorno rilasciati a cittadini non comunitari. Di il 47,2% a donne e il 22,9% a minorenni. Le nazionalità più popolose sono quella albanese, quella marocchina, filippina, ucraina e cinese.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Permessi di soggiorno: rilasci in calo. Ad Arezzo diminuiscono dell'11,6%, i dati della Toscana per provincia

ArezzoNotizie è in caricamento