menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Whiskey ci ha messo la zampa e la signora Carolina ha lasciato pneumologia

Migliorata, è adesso nelle cure intermedie. E Pneumologia del San Donato sta mettendo a punto uno studio sulla pet therapy nelle degenze Covid

Carolina sta meglio ed è passata dalla degenza Covid in un’unità esterna di cure intermedie. Il suo caso diventerà uno studio: la pet therapy può aiutare i pazienti Covid?

"La nostra risposta sulla base dell’osservazione di questo caso è si – risponde Raffaele Scala, Direttore della Pneumologia del San Donato. Stiamo rielaborando i dati che abbiamo accumulato in questi mesi. La paziente era entrata in malattie infettive il 30 gennaio e successivamente trasferita da noi a causa dell’aggravarsi dei problemi respiratori".

80 anni, isolata dalla famiglia e dagli animali domestici – un barboncino, 2 gatti e un pappagallo – le sue condizioni stavano peggiorando fino all’intuizione del personale di pneumologia: perché non farle riabbracciare Whiskey, il suo barboncino bianco?

“I risultati li abbiamo visti – commenta Scala. E’ una valutazione empirica ma il cane è entrato per la prima volta in reparto il 12 febbraio e la padrona ha potuto riabbracciarlo. Il 16 febbraio, quattro giorni dopo, siamo stati in grado si scollegarla dal ventilatore e di passarla all’alto flusso. Non solo un passo avanti ma un’inversione di tendenza rispetto a quella negativa che si protraeva dal suo ricovero. Soni stati progressivamente sempre meno necessari medicina tranquillizzanti. Ha ripreso ad alimentarsi, ad accettare la posizione prona che fino ad allora aveva rifiutato. Ed ha potuto iniziare la riabilitazione”.

Whiskey ha funzionato e ieri la signora Carolina è passata a cure intermedie in attesa della negativizzazione e del ritorno a casa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento