menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Lucacci, presidente provinciale di Fratelli d'Italia

Francesco Lucacci, presidente provinciale di Fratelli d'Italia

Regolamento decoro del centro storico. FdI: "Polemica sterile del Pd"

"Se davvero i detrattori del regolamento credono a quello che hanno dichiarato, perché non hanno gridato allo scandalo quando a produrre atti come questo sono stati i sindaci del loro stesso partito?"

"Ancora una volta, a fronte di un regolamento sensato e necessario, il Partito Democratico di Montevarchi si straccia le vesti, accusando addirittura il sindaco Silvia Chiassai di razzismo". Inizia così l'intervento che porta la firma del presidente provinciale di Fratelli d'Italia Francesco Lucacci e del consigliere comunale Lorenzo Allegrucci. I due esponenti politici intervengono nella polemica riguardante l'approvazione del nuovo regolamento per il centro storico di Montevarchi

"Vogliamo ricordare che regolamenti specifici sul centro storico simili a quello approvato a Montevarchi, che impongono in queste aree della città di avere solo certi tipi di attività commerciali e cartelli scritti nel nostro alfabeto per risultare comprensibili, sono stati proposti e approvati in tante altre città toscane, con giunte di centrodestra come Arezzo, ma, senza che al Pd di Montevarchi se ne siano mai accorti, anche con giunte di centrosinistra a guida Pd come addirittura Firenze e Prato. Se davvero i detrattori del regolamento, che stanno fomentando la polemica contro l’amministrazione di Montevarchi, credono a quello che hanno dichiarato, allora perché non hanno gridato allo scandalo quando a produrre atti come questo sono stati i sindaci del loro stesso partito? In questo regolamento si tutelano la cultura, la tradizione e l’identità di un’area che dovrebbe rappresentare il fiore all’occhiello di Montevarchi. Permettere minimarket e negozi etnici nei centri storici e accettare una scrittura non comprensibile per tutti sui cartelli, non ha nulla a che fare con l'integrazione e l'accoglienza! I nostri centri storici si caratterizzano, oltre che da un punto di vista architettonico, anche nelle attività artigianali e commerciali che devono dare continuità al patrimonio storico e culturale delle città. Ma a quanto pare, se le persegue un sindaco di centrodestra, la tutela e il decoro della città e il rilancio del commercio e dell'artigianato italiano diventano delle gravissime colpe per il Pd. È la solita sterile e ridicola propaganda politica locale di chi non sa nemmeno cosa fa il proprio stesso partito a qualche decina di chilometri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento