Cortona

Giorno della memoria. Il sindaco Meoni: "L’umanità non deve rivivere simili atrocità"

"Celebrare la memoria è importante, sia per ricordare gli orrori della Shoah e per onorarne le vittime, sia per riflettere sugli orrori che il fanatismo genera anche oggi"

Lunedì 27 gennaio è il Giorno della memoria, una ricorrenza internazionale in cui si commemorano le vittime della Shoah. Ad Arezzo, le celebrazioni hanno vissuto il loro momento istituzionale presso il teatro Petrarca, dove si è svolta la cerimonia organizzata dalla prefettura, dal comune di Arezzo e dalla Fondazione Guido D’Arezzo, alla quale hanno preso parte, i rappresentanti di varie municipalità della provincia.

Il comune di Cortona era presente alla manifestazione con il sindaco, Luciano Meoni.

"Celebrare la memoria è importante, sia per ricordare gli orrori della Shoah e per onorarne le vittime, sia per riflettere sugli orrori che il fanatismo genera anche oggi – ha affermato il primo cittadino di Cortona - Ieri il fanatismo generò lo sterminio di milioni di persone. Oggi, guardando quanto sta accadendo in aree del mondo, lo stesso fanatismo sta generando morte e terrore, arrivando anche a uccidere i bambini. 

Per questo è giusto continuare a ricordare il passato, ed è giusto farlo non solo partecipando alle cerimonie ufficiali, ma anche attraverso la riflessione che ognuno di noi, oggi, può fare. Come amministrazione comunale di Cortona – conclude Meoni - terremo viva la memoria, puntando al coinvolgimento delle scuole e dei giovani. L’umanità non deve rivivere simili atrocità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorno della memoria. Il sindaco Meoni: "L’umanità non deve rivivere simili atrocità"

ArezzoNotizie è in caricamento