menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 In foto, da sinistra: L. Giunipero, B. Leporini, F. Pagliucoli, A. Quatraro, G. Verdi

In foto, da sinistra: L. Giunipero, B. Leporini, F. Pagliucoli, A. Quatraro, G. Verdi

Dispositivi e app per ipo e non vedenti: accordo sottoscritto

Lo scopo della sinergia fra i soggetti firmatari è quello di sviluppare soluzioni tecnologiche facilmente accessibili a tutti e in grado di agevolare le operazioni di ricerca e consultazione dei prodotti

Migliorare l’autonomia delle persone con esigenze speciali, inclusi coloro che hanno una disabilita? visiva.
Con questo proposito e? stato sottoscritto recentemente un accordo fra l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione della Toscana, l’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “A. Faedo” del Cnr, ed Edigroup, azienda del Casentino.

Lo scopo della sinergia fra i soggetti firmatari è quello di sviluppare soluzioni tecnologiche facilmente accessibili a tutti e in grado di agevolare le operazioni di ricerca e consultazione dei prodotti tramite un dispositivo ed una app per il proprio smartphone da poter essere utilizzati sia a casa che in negozio.

Proprio in questi giorni – afferma il presidente regionale toscano Antonio Quatraro di UICI – I.Ri.Fo.R. - e? iniziato il lavoro di un tavolo tecnico appositamente costituito, con l’obiettivo di giungere entro l’anno alla realizzazione di un prototipo ed alla successiva presentazione. Al termine di questo percorso ognuno degli attori in campo ci avra? messo qualcosa di suo, anche perche? il percorso e? articolato e complesso: serve lo sviluppo di una parte scientifica, serve un’indagine fatta sui potenziali utilizzatori per coglierne effettivamente le esigenze, nonche? una adeguata capacita? di informazione e promozione. "Inclusione non significa creare nicchie, dice Quatraro, ma piuttosto far si? che un numero sempre maggiore di cittadini usi i servizi e le tecnologie di tutti, con lo stesso confort ed efficienza.

L’idea partita dalla Azienda Edigroup ha incontrato da subito l’interesse di UICI-I.Ri.Fo.R. - dice l’amministratore dell’azienda Federico Bachini - ed e? stata poi condivisa con il Cnr di Pisa grazie all’intervento di Barbara Leporini. Fin da subito, uno dei punti chiave e? stata l’intenzione comune di sviluppare un prodotto finale che portasse benefici a tutti, non soltanto ai portatori di una qualche disabilita? visiva. 

Le potenzialita? della nuova ricerca, che possono essere estese anche ai settori della tracciabilita? e delle informazioni generali sui prodotti, hanno portato alla costituzione del tavolo tecnico.

L’intenzione di tutti - conferma la stessa Barbara Leporini - e? procedere insieme e di pari passo condividendo impegni ed effetti. Il ruolo dell’interfaccia utente, della sua accessibilita? e specialmente facilita? d’uso sara? in particolar modo considerato in tutte le fasi di progettazione, sviluppo e valutazione - sia del dispositivo ad hoc che della app da installare sul proprio cellulare - e vedra? la piena collaborazione tra esperti ed utilizzatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento