menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Babbo Natale a Castel Focognano. L’incontro attraverso i vetri delle finestre

L’incontro con i bambini è avvenuto iniziando dalla scuola dell’infanzia, poi alla scuola primaria e infine al Centro diurno Tangram

Nella consapevolezza che l’attenzione verso i bambini non può e non deve mancare in questa fase di emergenza, per mantenere la gioia dell’attesa e la magia del Natale l’associazione “Amici di Babbo Natale” (in collaborazione con l’amministrazione comunale, le insegnanti dell’istituto comprensivo Guido Monaco di Rassina e con gli operatori del Centro Tangram) ha pensato di far arrivare anche quest’anno, ai bambini delle scuole e agli ospiti del Centro Tangram, dei piccoli doni. Non essendo possibile incontrare di persona Babbo Natale nel consueto appuntamento nella piazza del paese a causa delle misure contro la diffusione del Covid-19, si è pensato di farlo arrivare comunque, facendolo intravedere attraverso i vetri. L’incontro con i bambini è avvenuto iniziando dalla scuola dell’infanzia, poi alla scuola primaria e infine al Centro diurno Tangram. Per l’occasione, i bambini e i ragazzi hanno preparato letterine, disegni, lavoretti, addobbi e/o pitture che hanno fatto trovare all’esterno e che Babbo Natale ha poi raccolto lasciando loro in cambio dei sacchi con piccoli doni. I bambini hanno accolto e salutato Babbo Natale attraverso le vetrate e il momento dell’incontro è stato colmo di entusiasmo. La mattina si è conclusa con la “colazione” di Natale fatta di panettone e pandoro offerti dalla Cooperativa Beta Due che gestisce il servizio mensa. Tutto il materiale prodotto dai bambini e raccolto dagli aiutanti di Babbo Natale, verrà condiviso con la comunità di Castel Focognano così da offrire speranza, serenità, normalità e positività a questo Natale diverso, ma in fondo sempre uguale.

“L’amministrazione organizzando questo momento, ha voluto salvaguardare le tradizioni, le consuetudini e le attese per rendere il Natale più possibile simile a quello che abbiamo sempre vissuto. Un modo che rassicura grandi e piccini in questo difficile momento” ha dichiarato l’assessore alla scuola e alla cultura Rosetta Chianucci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Sono stato tradito da mia moglie. E adesso?

  • Cucina

    I fiocchi di Carnevale

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento