Mercoledì, 22 Settembre 2021

VIDEO | Applausi e abbracci per Vedovini che sanno d'addio: "Rifletterò un po', ma sono agli sgoccioli"

Scene emozionanti al rientro dei giostratori al quartiere di Porta Sant'Andrea. Nell'aria riecheggia la domanda: "E' stata l'ultima giostra di Enrico Vedovini?". La risposta arriva dalle parole del veterano della Piazza

Un cerchio di figuranti si stringe intorno ai suoi giostratori, scivolano le lacrime. C'è anche il capitano Mauro Dionigi, tutti vogliono salutare in particolar modo Enrico Vedovini. Le parole non servono, a pochi giorni dalla Giostra nell'intervista ad Andrea Avato, aveva detto che in cuor suo aveva preso già una decisione. E in cuor loro i quartieristi di Porta Sant'Andrea sanno cosa ha in mente il veterano della Piazza.

E lui abbraccia tutti coloro con cui ha condiviso gioie e momenti di crisi in questi lunghi anni, un pezzo di vita enorme. E sono abbracci che vorrebbero trattenerlo, così come vorrebbe il rettore Maurizio Carboni che spera ancora di convincerlo a restare. E' già in macchina, sta per andare via, ancora con gli occhi arrossati, quando si ferma per l'intervista. La domanda è semplice: "E' stata la sua ultima volta"? La sua non è una risposta secca, non ce l'avrebbe nemmeno fatta a pronunciarla forse, ma un ragionamento lucido e alla fine molto chiaro. Analizza la Giostra, il punteggio del compagno Tommaso, la sua carriera tentando il tutto per tutto e poi il momento di vita in cui si trova, 45enne, in forma, ma come dice lui stesso "agli sgoccioli". Piazza San Giusto tutta applaude.

"Hanno voluto farci sentire il loro estemo calore e la riconoscenza - commenta Vedovini rispetto all'emozionante accoglienza fatta al ritorno al quartiere - abbiamo fatto una Giostra con il cuore, eravamo preparatissimi, sapevamo che ci voleva il 10. E' stata una Giostra strana, hanno vinto loro con quella lancia rotta iniziale, sennò non avrebbero sicuramente vinto. I nostri quartieristi hanno voluto così dirci grazie."

Un grande tiro di Tommaso e poi tu hai tentato il tutto per tutto? "Sono contentissimo del tiro di Tommaso, questo dà estrema fiducia per il futuro di Sant'Andrea, si aspettavano questa conferma sopra a quello che ho detto più volte fosse un grandissimo cavallo. La mia carriera poi. Ho cambiato quattro volte idea prima di arrivare al pozzo: cerco di mettere più velocità, vengo più sotto, faccio una carriera per il cinque e per prendere l'applauso, ma il mio carattere è così, allora ho cercato di andare veloce, di stare sotto, di prendere il cinque e se si fosse rotta la lancia non sarebbe caduta. A volte mi prendo rischi che non dovrei prendermi."

E' stata l'ultima Giostra per te? "Era nell'aria questa mia ultima Giostra, ora vediamo se ufficializzarla, parlerò anche con la mia dirigenza, il mio contratto con Sant'Andrea è terminato qua. Ho 45 anni, gli allenamenti per fare il Saracino sono veramente intensi e impegnativi, non me la sento di dare una risposta secca adesso, voglio riflettere ancora un po'. Però sicuramente sono arrivato agli sgoccioli, e sono molto contento di esserci arrivato in forma, mi sono sentito bene tutta la settimana, spero di essere di esempio per i giovani che si avvicinano alla Giostra in tutti i quartieri."

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Applausi e abbracci per Vedovini che sanno d'addio: "Rifletterò un po', ma sono agli sgoccioli"

ArezzoNotizie è in caricamento