Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Omicidio di Maria, l'auto di Ferrini setacciata con il luminol. Polizia in carcere per prelevare il dna

Nel video girato dalla Polizia di Stato sono immortalati gli accertamenti svolti sulla vettura di Federico Ferrini, il 37enne che ha confessato di aver ucciso Maria Aparecida Venancio De Sousa

 

Copyright 2019 Citynews

Come in un telefilm americano. Tute, guanti, luminol e quanto serve per cercare tracce biologiche in un'auto. Ma questa volta non si tratta di una puntata di Csi. Nel video girato dalla Polizia di Stato sono immortalati gli accertamenti svolti sulla vettura di Federico Ferrini, il 37enne che ha confessato di aver ucciso Maria Aparecida Venancio De Sousa.

L'addio a Maria nel riserbo. La famiglia: "Vogliamo solo la verità"

I rilievi sull'auto, una Renault Megan Scenique, sono stati condotti questa mattina a Firenze, presso il laboratorio della Polizia Scientifica per la Toscana. Gli investigatori hanno cercato tracce ematiche e biologiche riconducibili alla vittima, che potrebbero essere state trasportante nella vettura appoggiando l'arma del delitto o si potrebbero essere trasferite nelle coperture attraverso il contatto con gli abiti sporchi di sangue di Ferrini. 

Gli uomini della Squadra Mobile, guidati da Francesco Morselli, questa mattina sono stati anche in carcere dal 37enne. Hanno eseguito un prelievo con un tampone per poter così identificare il dna dell'uomo. In questo modo potranno confrontarlo le tracce già repertate. 

"Ho ucciso io Maria", Ferrini confessa e resta in carcere

Venerdì tutti i campioni repertati saranno portati nei laboratori della Forensic Genetic Unit dell'ospedale di Careggi, guidata dal dottor Ugo Ricci. E' il laboratorio al quale è stato conferito dalla pm Chiara Pistolesi, che coordina le indagini sul caso, l'incarico di analizzare le tracce biologiche repertate nell'appartamento di Maria. 

Si tratta di esami che servono soprattutto per confermare quanto riferito dallo stesso Ferrini: una sorta di cartina di tornasole. Ma anche un modo per chiudere il cerchio delle indagini su questa drammatica vicenda. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento