rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Calcio Via Antonio Gramsci

Visite mediche, prelievi e tamponi: l'Arezzo torna al lavoro. Mercoledì primo allenamento, dal 4 settembre ritiro a Chianciano

Unico assente Nolan per noie burocratiche. Primo ciclo di tamponi e visite mediche. Palazzi tecnico ad interim della prima squadra

Non è stato un raduno come gli altri. Il primo giorno del 'nuovo' Arezzo non ha previsto nel proprio programma la sgambata inaugurale. Per quella sarà necessario attendere altre 48 ore, quando alla società verranno recapitati i risultati degli esami a cui si sono sottoposti tutti i calciatori sotto contratto, oltre a Sbarzella che si è aggregato al gruppo. Unico assente Ryan Nolan. Il difensore irlandese, reduce dal prestito alla Giana Erminio, arriverà domani ad Arezzo. Un ritardo causato da noie burocratiche legate ai controlli anti Covid-19. Nelle prossime ore si sottoporrà anche lui alla visite mediche e ai test (sierologico e tampone).

A partire dalle 8 i giocatori della prima squadra hanno iniziato ad arrivare allo stadio. Sussi, Benucci, Daga, Baldan, Mosti, Belloni, Luciani, Foglia, Maestrelli, Masetti, Piu, Cutolo e Borghini hanno svolto le visite nel centro medico Medi.Ar che ha sede all'interno dello stadio Comunale. Domani sarà il turno di Pissardo, Mesina, Caso, Dell'Agnello, Picchi, Raja, Sbarzella e Nolan. La giornata di oggi però ha richiesto la presenza di tutti i calciatori allo stadio perchè alle 11 la società aveva organizzato il primo ciclo di tamponi.

Il raduno della SS Arezzo: visite mediche e tamponi

"Con la società abbiamo stilato un calendario che prevede tamponi ogni quattro giorni e test sierologici ogni quindici - spiega il dottor Giusti, responsabile sanitario del club - è cambiato qualcosa per quanto riguarda il protocollo ma ciò non significa abbassare la guardia, anzi. La società ha dato la propria disponibilità nell'adottare quanto indicato da Federazione e Ministero. C'è un impegno economico importante, ma serve anche responsabilità da parte di tutti. Certo è che oggi abbiamo iniziato con il piede giusto".

Ipotesi Ceciliano per gli allenamenti

Potrebbe trasferirsi a Ceciliano la prima squadra, sia per rispettare le distanze imposte dal protocollo anti Covid-19, sia per una questione pratica. Da aprile i campi Lebole e Zampolin non hanno ricevuto alcun trattamento e il fondo è a dir poco duro. Ecco la necessità di spostarsi altrove prima della partenza per Chianciano il prossimo 4 settembre, dove il Cavallino resterà due settimane. I colloqui con l'Arezzo Femminile sono iniziati. L'intenzione, fin dall'inizio, era quella di collaborare anche per quanto prevedono i regolamenti della Lega Pro e Figc. Adesso la necessità di potersi allenare su un campo consono potrebbe accelerare certe tempistiche.

A dirigere gli allenamenti, in attesa della nomina del tecnico, sarà Mario Palazzi, confermato alla guida della Berretti da cui verrà promosso in prima squadra l'attaccante 2002 Zuppel, prelevato la scorsa estate dal vivaio del Perugia. Tra mercoledì e giovedì è atteso l'annuncio del mister.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visite mediche, prelievi e tamponi: l'Arezzo torna al lavoro. Mercoledì primo allenamento, dal 4 settembre ritiro a Chianciano

ArezzoNotizie è in caricamento