Scuola priorità per la Provincia. Vasai: "Sforato il Patto di Stabilità ma niente multa. Ecco perché"

C’è soprattutto la scuola al centro del bilancio presentato dal presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai. E’ in occasione dell’ultima seduta dell’assemblea dei sindaci che il tema riguardante gli investimenti (fatti e futuri) sugli...

 

C’è soprattutto la scuola al centro del bilancio presentato dal presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai. E’ in occasione dell’ultima seduta dell’assemblea dei sindaci che il tema riguardante gli investimenti (fatti e futuri) sugli edifici scolastici viene affrontato.

“Nel 2014 – spiega Vasai – abbiamo investito più di 2 milioni e 200mila euro sulla manutenzione e riqualificazione degli edifici scolastici di nostra competenza. Questa spesa ci ha portato ad uno sforamento del patto di stabilità. Ma lo Stato non ci farà pagare alcuna penale perché abbiamo scelto di investire il denaro proprio su opere di importanza fondamentale per il nostro territorio e per i nostri studenti”.

La speranza è quella di poter metter a budget anche per il prossimo anno la stessa cifra per il mantenimento e il miglioramento dei servizi e delle strutture che ospitano licei ed istituti professionali. Una filosofia da sempre professata dall’amministrazione provinciale aretina che trova sintesi nelle parole di Roberto Vasai: “se abbiamo un euro a disposizione lo spenderemo per la scuola”.

Sempre all’interno della relazione esposta all’assemblea dei sindaci, sono stati affrontati anche i temi riguardanti la sicurezza e la manutenzione stradale.

“Restano da completare opere – ha detto Vasai – come quelle sulla Regionale 69 e sulla 71. Cercheremo di fare del nostro meglio. I chilometri che sono di nostra competenza come noto sono tanti e i fondi a disposizione sempre più risicati”. Infine, ultimo focus sul personale. “Attualmente la Provincia – ha spiegato Vasai – ha in carico anche coloro che, dopo la riforma dell’ente, dovrebbero essere trasferiti. Abbiamo nel tempo fatto dei prepensionamenti e siamo riusciti a contenere al massimo la spesa”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento