Prc si smarca da Mdp, Sinistra Italiana e Possibile

"La decisione verticistica di Sinistra Italiana, Possibile e Mdp, di convocare unilateralmente un'altra assemblea nazionale con la finalità di costruire un nuovo soggetto politico, con nome, programma e leader già decisi (totalmente diverso da...

"La decisione verticistica di Sinistra Italiana, Possibile e Mdp, di convocare unilateralmente un'altra assemblea nazionale con la finalità di costruire un nuovo soggetto politico, con nome, programma e leader già decisi (totalmente diverso da quello che le assemblee del “Brancaccio” avanzavano) ha consapevolmente allontanato ogni possibilità di percorso unitario".

Attacca così una nota di Rifondazione Comunista che prosegue:

Quindi, un'incompatibilità nel merito e nel metodo rispetto al percorso condiviso, la cui deriva ha portato ad annullare l'assemblea nazionale del 18 novembre, già prevista da settimane.

Come può essere possibile che in una Toscana, governata da Enrico Rossi (MDP) e sostenuta in blocco dal Partito Democratico, quello proposto da Sinistra Italiana, Possibile e MDP non possa essere definito un “progetto politico ambiguo”?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Abbiamo bisogno di scrivere un’altra storia, difficile e coraggiosa, servono altre parole, un altro immaginario, una visione radicalmente diversa da quella che il centrosinistra vecchio e nuovo ci propongono.

Il Comitato Politico Regionale Toscano di Rifondazione Comunista ha approvato ieri un documento con il quale il Partito si impegna ad accogliere la proposta dell'assemblea convocata da “Je so' pazzo” sabato 18 novembre e a promuovere in tutti i territori assemblee utili a recuperare il lavoro fin qui fatto e anzi fare un ulteriore passo avanti, sia nei contenuti che nei metodi emersi nelle discussioni assembleari, e proposti (anche dal nostro Partito) nel percorso del Brancaccio.

Ma soprattutto, Rifondazione intende ritessere i contatti con le realtà sociali, di movimento e le organizzazioni politiche interessate alla ricostruzione di una reale sinistra di alternativa politica e sociale, per la costruzione di un programma semplice e chiaro in materia di lavoro, ambiente, diritti, sanità e decisamente antiliberista e anticapitalista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento