menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donati e Sileno: "Dalla Giunta nessuna risposta su sanità, sicurezza, sviluppo e dissesto idrogeologico"

"Tutti e 9 gli atti d’indirizzo presentati dalla lista sono stati bocciati dalla maggioranza. Così si nega il confronto su temi che interessano la città”

“Sanità, sicurezza, numero verde per le persone in difficoltà, ricognizione dei ponti danneggiati dal maltempo. Sono questi alcuni dei 9 atti di indirizzo presentati da Scelgo Arezzo in Consiglio Comunale, tutti respinti. La maggioranza guidata dal sindaco Ghinelli ha bocciato le nostre iniziative senza entrare nel merito dei contenuti né aprire un confronto serio sulle proposte avanzate. A fronte di atti promossi per il bene della comunità, atti costruttivi e propositivi su cui aprire un dialogo, può essere questa la risposta della giunta e della maggioranza che governa la città?"

I consiglieri di Scelgo Arezzo Valentina Sileno e Marco Donati commentano così, con un po' di amarezza, il day after del consiglio comunale che è terminato ieri dopo le 21, dopo circa 10 ore di tempo dedicate a oltre 20 interrogazioni e 14 atti di indirizzo (visto che due sono stati posticipati al prossimo consiglio comunale).

Nove in tutto quelli presentati dalla formazione politica nata nel 2020 e che ha partecipato alle ultime amministrative con due liste civiche sostenendo proprio Donati come candidato sindaco e riuscendo a eleggere al primo turno due consiglieri comunali che sono posizionati tra i banchi di opposizione.

Nove atti di indirizzo che dopo il dibattito in aula sono stati via via tutti bocciati. 

"Davvero chiedere la ricognizione dei ponti danneggiati dal maltempo o dibattere sui progetti contro il rischio idrogeologico è un fatto politico di parte che non merita attenzione? Davvero iniziare ad affrontare il tema di un nuovo polo della formazione che generi opportunità di lavoro ad Arezzo non interessa a nessun consigliere di maggioranza? Questa giunta e questa maggioranza hanno interesse a ridare forza alla sanità pubblica aretina? Noi le proposte le abbiamo fatte, ci aspettavamo un confronto che, purtroppo, ci è stato negato."

Po un giudizio sulla mancanza di pratiche di giunta all'ordine del giorno e sul prelievo di risorse dal fondo di riserva del Comune.

"Una cosa inoltre colpisce - concludono Donati e Sileno - ed è che non c’erano punti all’ordine del giorno promossi dalla giunta Ghinelli. Nessuna delibera, il che equivale a dire nessuna idea, nessun progetto, nessuna soluzione per la città.

Inoltre, non dimentichiamo di certo la questione delle risorse destinate alla Fondazione Guido d’Arezzo, sulla quale insisteremo. La giunta ha attinto dal fondo di riserva ben 153.000 euro. Una cifra notevole che pone qualche domanda sulla gestione delle fondazioni e sull’utilizzo di questi strumenti. Anche su questo vorremmo delle risposte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento