D'Ettore (FI): "Il governo intevenga per valorizzare la professione infermieristica"

"Servono risposte immediate a questa categoria A cui tutti noi dobbiamo stima e riconoscenza per il lavoro che quotidianamente fa per garantire la nostra salute e sicurezza"

Il Governo intervenga adottando “tutte le iniziative, anche di carattere legislativo, al fine di avviare efficaci politiche volte all’effettiva valorizzazione della professione infermieristica”. Ovvero, “proceda, con urgenza, anche ad un confronto in merito con l'ordine delle professioni infermieristiche e con i rappresentanti delle categorie sanitarie”. Così in un’interpellanza al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, e al Ministro della salute i deputati di Forza Italia Maurizio D’Ettore e Stefano Mugnai. “In Italia – prosegue l’atto ispettivo – la carenza calcolata della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) è di almeno 53mila infermieri di cui la maggior parte (almeno 30mila) sono quelli mancanti sul territorio”. Per gli esponenti azzurri, sarebbe “necessario avviare efficaci politiche volte a valorizzare la formazione e la professione infermieristica. A tal fine è ineludibile intervenire nell’ambito della formazione universitaria, con l’istituzione di un dipartimento universitario di scienze infermieristiche, l’assunzione straordinaria di 400 professori (con valutazione curriculare) e 600 ricercatori”. Ma anche “istituire le Scuole specializzazione per l’erogazione di corsi rigorosi e qualificanti le competenze specializzate; tali scuole, dovrebbero essere istituite all’interno del dipartimento infermieristico universitario già istituito, ed essere dirette da infermieri con qualificato curriculum”. Inoltre, l’istituzione “di una Commissione Permanente Infermieristica presso il Ministero della Salute per lo sviluppo della normativa di settore oltre che per emanare Linee guida nazionali su temi emergenti e buone prassi” e di una “Area contrattuale delle professioni sanitarie che valorizzi il professionista e lo specialista al fine di adeguare gli stipendi su base europea (in Italia gli infermieri sono in deficit di circa 1000€ mese) e definire il sistema standard di dotazioni di infermieri nei servizi territoriali ed ospedalieri”. 
Vogliamo,dice l'onorevole Maurizio D'Ettore, che il governo dia risposte immediate a questa categoria A cui tutti noi dobbiamo stima e riconoscenza per il lavoro che quotidianamente fa per garantire la nostra salute e sicurezza.
Ho ricevuto nel corso di questi mesi tantissimi rappresentanti e operatori aretini, che mi hanno segnalato quanto sentano distante l'azione dei provvedimenti governativi verso la loro categoria
Queste ed altre proposte - anche segnalate dai rappresentanti delle professioni infermieristiche ad Arezzo, Firenze e Pistoia - sono state poste all'attenzione del Governo nazionale ed i deputati di Forza Italia, Felice Maurizio D'Ettore e Stefano Mugnai presenteranno, oltre all'Interpellenza citata, specifiche proposte normative sulle quali chiederanno anche alle forze di maggioranza un serrato ed urgente confronto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento