menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castiglioni nel cuore attacca: "Alta tassazione e soldi spesi male da un apparato propagandistico"

"Un apparato propagandistico da dittatura sudamericana a cui fanno da contorno i giri in elicottero, le corse campestri, le pose in sella alla bicicletta e alla moto, una volta con la fascia da sindaco, una volta con la scritta “Super Mario” sulla schiena. Una carnevalata dietro l’altra"

"Nonostante le difficoltà del periodo che stiamo vivendo, anche quest'anno con l’Epifania si conclude il periodo delle feste e si torna al lavoro. Da molti mesi, come gruppo consiliare Castiglioni nel Cuore, abbiamo avuto un profilo volutamente non polemico nei confronti dell’amministrazione comunale, con la speranza di vedere sindaco e giunta impegnarsi senza distrazioni e senza risparmio di energie nell’affrontare e risolvere i problemi della nostra comunità. Oggi, visti i risultati, siamo giunti alla conclusione che, a fronte del nostro atteggiamento responsabile, non si sono riscontrati segni di maturità politico-istituzionale da parte della maggioranza."

Il gruppo consiliare Castiglioni nel Cuore attacca l'amministrazione guidata dal sindaco Mario Agnelli.

"Va bene impegnare risorse per le luminarie, non chiedendo il contributo ai commercianti. Abbiamo appoggiato il provvedimento perché c’è sembrato giusto abbellire il paese per le feste, le luci di Natale hanno portato allegria e dato attimi di normalità, in particolare ai più piccoli. Ma se per tale spesa s’impegnano circa 30.000 euro, per sostenere imprese e famiglie occorre mettere in campo ben altre risorse. Dobbiamo riscontrare che, salvo i fondi arrivati da Stato e Regione (con destinazioni obbligatorie come da buoni pasto e aiuti alle imprese per gli affitti), da parte del Comune si è fatto ben poco.

Eppure il nostro Comune continua ad accumulare risorse, grazie ai ristori dello Stato e soprattutto agli alti livelli di tassazione (inspiegabilmente mantenuti invariati). Soprattutto oggi, non si comprende perché mantenere le tasse al massimo senza dare ai castiglionesi beni e servizi degni di tale nome. Non è una buona politica ogni anno fare grandi avanzi di amministrazione. Se non si è in grado di investire le risorse è meglio abbassare le tasse.

Tutto questo è aggravato dalla consapevolezza, che la “tranquillità di cassa” sia solo uno specchietto per le allodole perché in realtà di soldi se ne spendono tanti e male. Decine di migliaia di euro per mantenere la grande macchina della propaganda fatta su misura per il sindaco Agnelli. Dalla finta inaugurazione della mostra dei “Mille di Sgarbi”, a una serie innumerevole di Delibere di Giunta con le quali, nelle ultime settimane sono state stanziate diverse decine di migliaia di euro, in favore di varie associazioni Castiglionesi con le più disparate motivazioni, da quelle più nobili in favore delle organizzazioni impegnate per l’emergenza epidemiologica ai più modesti contributi per pagare le bollette. Per non parlare dell’invenzione di nuovi uffici, come l’ufficio turistico del comune, affittando fondi privati e assumendo nuovo personale. Ancora, delle mirabolanti promesse da un milione di euro da spendere suoi macelli per una cosa di cui non si comprende il senso, i cinquecentomila sui giardini, gli ampliamenti delle scuole annunciati ma di cui ancora non si conosce l’entità, i lavori infiniti allo stadio. I soldi spesi per manifestazioni che finiscono in buona parte in cene e ricevimenti per gli ospiti. Un apparato propagandistico da dittatura sudamericana a cui fanno da contorno i giri in elicottero, le corse campestri, le pose in sella alla bicicletta e alla moto, una volta con la fascia da sindaco, una volta con la scritta “Super Mario” sulla schiena. Una carnevalata dietro l’altra. Concludiamo con la conferma che il nostro impegno cercherà sempre di essere caratterizzato dalla serietà e dalla maturità, convinti e consapevoli del nostro ruolo. Speriamo di vedere, in questo 2021, appena iniziato, barlumi di responsabilità anche da parte della maggioranza"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento