Caro Acqua. Lepri e Ricci: "I rincari? molte colpe sono del Pd"

Non nascondiamo il fastidio nel leggere il comunicato stampa e nel vedere l’intervista rilasciata dal segretario provinciale del Pd Dindalini: ci è sembrata l’ennesima presa in giro. Sembrerebbe infatti che Dindalini si sia eretto a paladino e...

Non nascondiamo il fastidio nel leggere il comunicato stampa e nel vedere l’intervista rilasciata dal segretario provinciale del Pd Dindalini: ci è sembrata l’ennesima presa in giro. Sembrerebbe infatti che Dindalini si sia eretto a paladino e difensore dei diritti dei cittadini e delle imprese. Sì, perché il segretario “appoggia” chiaramente le critiche alla nuova tariffazione dell’acqua denunciata dal comitato acqua pubblica.

Dindalini però omette di informare che la nuova tariffazione, quella che porta a un aumento medio del 17% per tutte le utenze, sia pubbliche che private, sia domestiche che di imprese, è stata approvata dalla conferenza territoriale in data 4 dicembre 2015. Conferenza composta da 32 Comuni di cui quasi il 90% amministrati da sindaci del Partito democratico.

Possibile che il segretario provinciale del Pd non sapesse niente di cosa avevano approvato i “suoi” sindaci? Sembra paradossale immaginare che il segretario provinciale non dialoghi con loro su argomenti così importanti per l’economia delle famiglie, ma anche delle imprese aretine. Chiediamo al segretario Dindalini, di assumersi le responsabilità politiche di quanto approvato.

Altrimenti, se volesse, potrebbe chiedere sempre ai “suoi” sindaci di convocare urgentemente una nuova conferenza territoriale per proporre la sospensione delle tariffe. In quella sede potrebbero proporre un nuovo piano tariffario più equo che tenga conto del numero dei componenti il nucleo familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per concludere, la responsabilità non è dell’Autorità Idrica come erroneamente sostenuto dal segretario Dindalini, ma dei sindaci di destra e di sinistra, gruppo in cui quelli del Pd, è bene ribadirlo, sono la maggioranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento