Politica

I sindaci del Valdarno: “Vogliamo un vero confronto. Audizione preliminare all’insegna dell’improvvisazione e della disorganizzazione”

Dopo lo svolgimento della prima seduta dell’inchiesta pubblica sull’ampliamento della discarica di Podere Rota, i sindaci anticipano che inoltreranno formale contestazione alla Regione Toscana sull’organizzazione dell’incontro richiamando l’Ente al suo ruolo di garante della partecipazione e della trasparenza

“Vogliamo una reale occasione di coinvolgimento e di confronto. L’audizione preliminare di ieri non è riuscita a garantire trasparenza e partecipazione ma si è svolta all’insegna dell’improvvisazione e della disorganizzazione. Assai imbarazzante la piattaforma utilizzata e la presenza del presidente dell’inchiesta pubblica negli uffici di Csai, dai quali si è svolta la diretta”. 

Protestano senza mezzi termini i sindaci di San Giovanni Valdarno, Bucine, Castelfranco Piandiscò, Cavriglia, Laterina Pergine Valdarno, Loro Ciuffenna e Montevarchi all’indomani dell’audizione preliminare sulla richiesta di ampliamento della discarica di Podere Rota che si è svolta ieri pomeriggio con inizio alle 17. L’inchiesta pubblica, conseguentemente allo stato di emergenza sanitaria e tenendo conto delle limitazioni imposte per gli spostamenti su territorio nazionale e della disciplina di manifestazioni pubbliche, è stata organizzata  in aula virtuale con modalità a distanza mediante collegamento da remoto. Ma lo svolgimento non è andato come previsto.

Per prima cosa, secondo l’allegato A della delibera regionale contenente le “direttive per lo svolgimento dell’inchiesta pubblica ex art. 53 della L.R. 10/2010”, dovevano essere ammessi a partecipare “i soggetti che abbiano presentato le osservazioni e quelli che ne abbiano fatto richiesta almeno 48 ore prima di ciascuna audizione”.

Invece coloro che avevano inviato le osservazioni non hanno ricevuto il link per accedere alla piattaforma e sono rimasti esclusi dal procedimento. Fra questi, anche alcuni primi cittadini. Altri interessati non hanno avuto la possibilità di entrare a causa di “errori tecnici”. Lo strumento utilizzato per la diretta, non permetteva di vedere il numero delle persone collegate, chi partecipava e in rappresentanza di chi. 

“L’inchiesta pubblica – contestano i sette sindaci del Valdarno – non è stata condotta dal comitato dell’inchiesta pubblica come previsto dalle direttive dell’allegato A, ma dal solo presidente il quale ha scelto che nessuno potesse prendere la parola, che si potessero mandare solo messaggi in una chat non visibile a tutti i partecipanti e che questi messaggi fossero letti e filtrati soltanto da lui. Ha quindi valutato lui solo quali domande fossero interessanti e quindi meritassero una risposta. Le contestazioni che sono state fatte durante l’audizione rispetto a questo modo univoco di condurre l’inchiesta, non sono state prese in considerazione. Altra cosa inconcepibile, neanche il presidente riusciva a vedere i nomi di chi scriveva nella chat”.

A causa della confusione creata dai numerosi messaggi arrivati, il presidente ha sospeso l’audizione per ben due volte - raccontano i sindaci.

 “Noi lavoriamo da mesi e mesi, tutti, con le piattaforme da remoto – dichiarano i primi cittadini –  ma una piattaforma così tecnologicamente arretrata come quella usata per l’audizione di ieri non l’avevamo mai vista. Non abbiamo avuto la possibilità di vedere il numero dei partecipanti, il volto di chi fosse collegato, cosa venisse scritto nella chat, e per oltre due ore, comprese due sospensioni, abbiamo potuto vedere soltanto il primo piano del presidente. Disorganizzazione e improvvisazione che non garantiscono la trasparenza e la partecipazione. Assai imbarazzante, inoltre, è stata la presenza del presidente collegato direttamente dalla sede di Csai impianti. Sullo sfondo si notavano i manifesti e i simboli dell’azienda. Questa scelta è apparsa inopportuna per il ruolo di garante che è chiamato a svolgere in un procedimento delicato, vogliamo sottolinearlo, in cui si decide il futuro del territorio. Richiediamo spiegazioni alla Regione sui motivi del mancato rispetto di principi di trasparenza e di imparzialità che sono fondamentali in un processo partecipativo così importante”.

Per questo Valentina Vadi, sindaco di San Giovanni Valdarno, Nicola Benini, sindaco di Bucine, Moreno Botti, sindaco di Loro Ciuffenna,  Enzo Cacioli, sindaco di Castelfranco Piandiscò, Silvia Chiassai Martini, sindaco di Montevarchi, Leonardo Degl'Innocenti O Sanni, sindaco di Cavriglia, Simona Neri, sindaco di Laterina Pergine Valdarno inoltreranno formale contestazione alla Regione Toscana sull’organizzazione dell’inchiesta pubblica.

“Questo strumento che abbiamo fortemente voluto – concludono i sindaci – dovrebbe servire per favorire l’effettiva partecipazione del pubblico nell'ambito del procedimento, per promuovere un dibattito corretto e articolato fra i vari soggetti interessati. Inoltreremo formale contestazione alla Regione Toscana sull’organizzazione dell’inchiesta pubblica, richiamando l’Ente al suo ruolo di garante della partecipazione concreta e della trasparenza. Vogliamo una vera e reale occasione di coinvolgimento e di confronto. Se non sussistono le condizioni tecniche per consentire un corretto svolgimento delle sedute, allora chiediamo che l’inchiesta pubblica venga rinviata a quando potrà svolgersi in presenza”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindaci del Valdarno: “Vogliamo un vero confronto. Audizione preliminare all’insegna dell’improvvisazione e della disorganizzazione”

ArezzoNotizie è in caricamento