rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cultura Anghiari

Successo per la mostra al Museo della Battaglia e di Anghiari all’interno del progetto “Terre degli Uffizi”

E' intitolata “La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento”: inaugurata lo scorso 31 agosto e in programma fino al 6 gennaio 2022, comprende cinque splendide opere provenienti da Firenze

Grande successo per la mostra “La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento” che è in corso di svolgimento da due mesi al Museo della Battaglia e di Anghiari all’interno del progetto “Terre degli Uffizi”, ideato e realizzato da Le Gallerie degli Uffizi e Fondazione Cr Firenze all’interno dei rispettivi programmi Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei. L’esposizione, inaugurata lo scorso 31 agosto e in programma fino al 6 gennaio 2022, comprende cinque splendide opere provenienti da uno dei più importanti musei del mondo. La mostra racconta la trasformazione avvenuta durante il Rinascimento di una parte dei notabili di Anghiari da uomini d’arme a cortigiani eruditi e amanti della cultura. Nei mesi di settembre e ottobre il Museo della Battaglia e di Anghiari, grazie a questa bella e significativa mostra, ha fatto registrare il 65% di visitatori in più. Numeri di assoluto rilievo che vanno tra l’altro di pari passo con l’unanime apprezzamento per la mostra da parte dei visitatori.

“Siamo soddisfatti – ha sottolineato Gabriele Mazzi, direttore del Museo della Battaglia e di Anghiari – perché abbiamo creduto fin da subito nel progetto Terre degli Uffizi che ci ha permesso di portare queste meravigliose opere all’interno del nostro museo civico”.

Soddisfazione per il progetto Terre degli Uffizi e per l’andamento delle varie mostre emersa anche dalle parole di Eike Schmidt, direttore de Le Gallerie degli Uffizi, riportate dal Corriere della Sera il 24 ottobre. “Siamo molto contenti dei primi sette esperimenti; tanti visitatori e luoghi che hanno ricevuto fama e notorietà. Anghiari è finito sul Guardian, Poppi sul New York Times. La Toscana degli Uffizi diffusi è stata inserita da Time tra le 100 località da visitare nel mondo nel 2021”.

‘’Questi ottimi dati – ha dichiarato il presidente di Fondazione Cr Firenze Luigi Salvadoriconfermano la bontà del progetto che abbiamo elaborato assieme alle Gallerie degli Uffizi proprio per far conoscere e valorizzare luoghi e collezioni meno conosciute del territorio. Avevamo visto giusto e siamo molto contenti di questo primo risultato’’.

Queste le cinque opere provenienti da Le Gallerie degli Uffizi esposte al Museo della Battaglia e di Anghiari:

- Cristofano Dell'Altissimo, Ritratto di Federico da Montefeltro, olio su tavola.

- Courtois Jacques detto Borgognone, Battaglia di cavalleria, olio su tela.

- Ambito francese sec. XVI, Ritratto di uomo in armatura, olio su tavola.

- Lorenzo di Giovanni di Nofri (Maestro di San Miniato), Madonna con Bambino (tabernacolo), tempera su tavola.

- Pseudo Pier Francesco Fiorentino, Madonna con Bambino e angeli, tempera su tavola.

A questo link la innovativa guida sulla mostra.

In occasione de “I centogusti dell’Appennino”, in programma ad Anghiari dal 29 ottobre al 1° novembre, il Museo della Battaglia e di Anghiari propone da sabato a lunedì compresi alle ore 11 visite accompagnate gratuite alla mostra. Fino al 1° novembre inoltre il museo sarà aperto tutti i giorni la mattina dalle 9.30 alle 13 e il pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30, mentre a partire dal 2 novembre la chiusura serale sarà alle ore 17,30. Fino al 6 gennaio 2022 tutte le domeniche sarà possibile effettuare visite accompagnate gratuite a partire dalle ore 11:00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo per la mostra al Museo della Battaglia e di Anghiari all’interno del progetto “Terre degli Uffizi”

ArezzoNotizie è in caricamento