menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le fabbriche del tessile aretino possono ripartire, Rossi: "Ordinanza per evitare che i tessuti marciscano"

Da lunedì 27 aprile consentite tutte le operazioni necessarie per evitare che i tessuti di origine animale e naturale presenti nei magazzini possano marcire e che gli scarti di lavorazione possano contaminare i luoghi produttivi

L’ordinanza che consente alle aziende dei distretti tessili toscani di riprendere l’attività per evitare incuria di tessuti e scarti di lavorazione è stata firmata oggi dal presidente della Toscana, Enrico Rossi, e pubblicata sul sito della Regione.

Annunciato fin dal pomeriggio di ieri, il provvedimento, in conformità con le previsioni del Dpcm del 10 aprile scorso, permetterà a partire da domani, lunedì 27 aprile, di svolgere tutte le operazioni necessarie per evitare che i tessuti di origine animale e naturale presenti nei magazzini possano marcire e che gli scarti di lavorazione possano contaminare i luoghi produttivi.

Le attività, naturalmente, dovranno avvenire secondo le disposizioni dettate dall’ordinanza n. 38 del 18 aprile 2020, che riguarda le misure di contenimento sulla diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

  • Arezzo da amare

    C'era una volta Piazza San Jacopo

  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento