rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022

Colpo all'azienda orafa, ladri messi in fuga da carabinieri e vigilante. Buco nel muro ma cassaforte intatta

Con il fiato degli inquirenti sul collo, la banda ha arraffato quanto trovato sui banchi: soprattutto prodotti in argento in fase di produzione

Quando il sistema di allarme si è attivato erano le 2 della notte: alcuni malintenzionati hanno fatto irruzione proprio a quell'ora all'interno della Uno Microfusione di Viciomaggio mettendo a segno un furto.

I ladri hanno dapprima reso innocue le telecamere di videosorveglianza, spruzzando spray sugli obiettivi. Poi hanno disattivato l'allarme. Ma contrariamente a quanto pensavano,  pochi minuti dopo l'impianto gestito da Pm Allarmi, è riuscito ad inviare il segnale alla vigilanza privata. E così è stata scoperta l'intrusione. 

Il furto 

I malintenzionati intanto sono saliti al primo piano, hanno forzato un infisso e si sono introdotti nei locali dell'azienda. Qui si sono trovati di fronte a porte serrate, così, armati di mazza e altri attrezzi, hanno deciso di aprirsi un varco direttamente sul muro. L'obiettivo era la cassaforte: ma l'arrivo repentino dei Carabinieri, contattati dalla centrale operativa di Sicuritalia il cui vigilante era già sul posto, e la presenza del proprietario ha messo in fuga i ladri.

Con il fiato degli inquirenti sul collo, la banda ha arraffato quanto trovato sui banchi: soprattutto prodotti in argento in fase di produzione.

La razzia dei ladri

Le modalità con cui i ladri si sono mossi all’interno dell’azienda farebbero pensare ad una banda di professionisti che aveva studiato il colpo nei minimi dettagli e che avrebbe avuto una perfetta conoscenza dei luoghi. 

A poche ore dal furto l'azienda, che conta 16 dipendenti, è già tornata al lavoro per ripristinare i danni - che appaiono comunque ingenti - e ritornare alla normalità. Le indagini sono in corso: i carabinieri di Arezzo hanno svolto accurati sopralluoghi e adesso stanno vagliando tutte le piste. Nella zona ci sono molte imprese e quasi tutte hanno telecamere di videosorveglianza dalle quali protrebbero essere ricavate informazioni. Gli inquirenti hanno anche acquisito le immagini del circuito interno dell'azienda, dove si vedrebbero i movimenti dei ladri. Ad introdursi sarebbero stati in due, con il volto travisato: i loro movimenti sarebbero stati immortalati prima che venissero oscurate le telecamere. Probabilmente altri complici li attendevano all'esterno, pronti per la fuga. 

Furto alla Uno Microfusione

Video popolari

Colpo all'azienda orafa, ladri messi in fuga da carabinieri e vigilante. Buco nel muro ma cassaforte intatta

ArezzoNotizie è in caricamento