"Chiusa in casa con mia figlia da un mese, ma non riesco a fare l'ultimo tampone", il grido d'aiuto di una mamma

"Anche il mio medico dice che non può fare niente e che non può più nemmeno farmi una richiesta per il tampone. Eppure sarebbe la mia unica speranza di uscire di casa, in caso fosse negativo. Purtroppo non ho un lavoro assicurato quindi non percepisco alcuno stipendio"

"Sono chiusa in casa dal 3 ottobre con mia figlia di 15 anni. Siamo entrambe positive, io sono sempre stata asintomatica, mia figlia invece ha avuto dei lievi sintomi e dal giorno 8 ottobre nessuno ci ha più chiamato per farci avere notizie dall’Asl". Inizia così l'appello di una mamma aretina che in questi giorni si trova in quarantena con la figlia. Racconta il senso di solitudine, ma anche la difficoltà di comunicare con chi gestisce il servizio sanitario.

"Quasi ogni giorno invio email, ma nessuno si degna di rispondere. Leggono, ma non risponde nessuno. Telefono ai numeri indicati, ma il telefono squilla a vuoto. Anche il mio medico dice che non può fare niente e che non può più nemmeno farmi una richiesta per il tampone. Eppure sarebbe la mia unica speranza di uscire di casa, in caso fosse negativo. Purtroppo non ho un lavoro assicurato quindi non percepisco alcuno stipendio. Sono disperata, mi sento abbandonata con una figlia che ora si sta riprendendo".

La signora ha eseguito una settimana fa il secondo tampone e vorrebbe sottoporsi ad un terzo. Ma non riesce ad avanzare la richiesta alla richiesta. 

"Ho parlato con le forze dell'ordine, con il sindaco di Pergine, il mio comune, ma hanno tutti le mani legate. Un terzo tampone, che potrebbe attestare la mia negatività, sarebbe l'unico modo per tornare alla mia vita, tornare a lavorare". 

Intanto la donna resta in casa con la figlia e attendono risposte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento