rotate-mobile
Cronaca

Morte Martina Rossi, Albertoni e Vanneschi fuori dal carcere. Affidati in prova ai servizi sociali

Immediata la reazione di Bruno Rossi e Franca Murialdi, genitori di Martina. "Non hanno mai chiesto scusa, il minimo era che scontassero la pena in carcere"

Finiranno di scontare la pena fuori dal carcere Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, condannati nell'ottobre del 2021 in via definitiva a 3 anni per tentata violenza sessuale di gruppo contro Martina Rossi. A stabilirlo è stato il tribunale di sorveglianza di Firenze in due diverse udienze: a luglio 2023 per Vanneschi e a metà febbraio per Albertoni.

Gli aretini, come noto, finirono a processo in seguito alla morte di Martina Rossi, studentessa 20enne di Genova deceduta il 3 agosto 2011 precipitando dal balcone di una camera di albergo a Palma di Maiorca (Spagna) dove si trovava in vacanza.

I due, fino a quest'ultima decisione del tribunale, scontavano la condanna in carcere in regime di semilibertà potendo infatti uscire per lavorare. Poi i loro legali hanno fatto istanza per mitigare la detenzione. Il giudice di sorveglianza ha accelerato i tempi per Luca Vanneschi, a causa di questioni familiari, e ha deciso l'affidamento in prova già a luglio, poi ha confermato anche per Albertoni qualche settimana fa la stessa cosa. Entrambi osservano l'affido in prova presso un'associazione di volontariato e durante la notte hanno l'obbligo di non uscire. La loro condanna terminerà all'inizio del 2025.

Immediata la reazione di Bruno Rossi e Franca Murialdi, genitori di Martina. "Non hanno mai chiesto scusa, il minimo era che scontassero la pena in carcere - hanno dichiarato i coniugi riferendosi ai due aretini - il giudice ha sbagliato a concedere l'affido perché è venuto a mancare, proprio per questo, il principio di resipiscenza necessaria in questi casi. Così si dà solo il cattivo esempio ai giovani, loro non si sono mai pentiti. Nessuno ci ridarà mai nostra figlia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Martina Rossi, Albertoni e Vanneschi fuori dal carcere. Affidati in prova ai servizi sociali

ArezzoNotizie è in caricamento