Accoltella il collega, attesa per l'interrogatorio di garanzia: Polucci accusato di tentato omicidio

Il 59enne non è apparso lucido di fronte agli inquirenti: in passato fu giudicato incapace di intendere dopo aver compiuto un'aggressione del tutto simile a quella avvenuta ieri

L'ipotesi di reato è quella di tentato omicidio. L'inchiesta della procura di Arezzo nei confronti di Giovanni Sabbioni Polucci, l'operaio del Comune che ieri ha accoltellato il geometra Mario Mastrantone, va avanti. Il pm Roberto Rossi contesta il reato di tentato omicidio. Nelle prossime ore verrà fissato l'interrogatorio di garanzia, intanto il 59enne resta in carcere, ad Arezzo. Le sue condizioni però non sono apparse rassicuranti: quando si è presentato dai Carabinieri, per costituirsi, non era lucido, e alcune sue frasi sono apparse sconnesse. 

L'uomo pare da tempo fosse in cura: venticinque anni fa, quando aggredì con la medesima modalità un altro collega, fu giudicato incapace di intendere e volere e trascorse un periodo nel manicomio giudiziario di Montelupo Fiorentino. Oggi strutture di questo tipo non ne esistono più, e in caso durante il procedimento giudiziario venisse confermata l'incapacità, l'uomo potrebbe essere accolto in una residenza per le misure di sicurezza, più conosciuta come Rems, dove sono destinati gli autori di reato affetti da disturbi mentali e socialmente pericolosi.

Di pari passo sta andando avanti l'indagine interna del Comune di Arezzo. Lo ha annunciato ieri l'amministrazione con una nota, nella quale parla di stretta collaborazione con gli inquirenti per far luce su alcuni aspetti della vicenda.

Stando ad alcune indiscrezioni, l'uomo periodicamente era soggetto a valutazioni per capire se poteva continuare il suo percorso lavorativo. E pare che gli esiti, anche recenti, di tali valutazioni fossero positivi. 

Nei prossimi giorni, non appena le condizioni di salute lo permetteranno, anche la vittima dell'aggressione sarà ascoltata. 

La violenta aggressione

La violenta aggressione è avvenuta ieri mattina, alle 10,45 negli uffici di via Tagliamento. Polucci ha raggiunto l'ufficio del geometra, Mario Mastrantone, gli ha chiesto di stampargli la busta paga e lo ha colpito con un coltello da cucina con la lama in ceramica mentre mentre era voltato di spalle. Mastrantone ha tentato di difendersi, ma è stato raggiunto al collo, fortunatamente senza colpire punti vitali. Poi il 59enne è scappato abbandonando l'arma nell'ufficio. Alle 12,15 però si è presentato alla caserma dei Carabinieri per costituirsi. Ai militari è apparso confuso e non ha spiegato il perché di quel gesto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento