Visite mediche gratuite, l'iniziativa di Lem Industries per le proprie collaboratrici

L'iniziativa del gruppo valdarnese per tutte le proprie collaboratrici

Un'intera giornata dedicata alla prevenzione. E' quella che lo scorso 2 marzo Lem Industries ha organizzato per tutte le proprie collaboratrici provenienti da cinque continenti, con un’età media di 35 anni. L'azienda ha permesso loro di poter effettuare gratuitamente una "mammografia" o "ecografia" all’interno della Clinica Mobile di Prevenzione è Vita. 
Durante il turno di lavoro le donne delle aziende del gruppo si sono potute recare all’interno della postazione diagnostica mobile posizionata all’ingresso della Holding, per poter eseguire gli esami di prevenzione supportate da uno staff di medici specializzati. 

"La prevenzione è fondamentale, questa iniziativa è un invito gratuito a tutte le donne ed è un motivo in più per incentivarle a proteggersi" ha spiegato la dottoressa Matilde Rima.

"Abbiamo cercato di creare i presupposti per una occasione di prevenzione vera e un controllo accurato, per tutte le nostre collaboratrici" ha sottolineato Corso Biagioni, direttore generale, a cui hanno fatto eco le parole di Daniele Gualdani, presidente del gruppo: "Il senso di questa iniziativa è quello di dare concretezza, oltre alle belle parole, abbiamo deciso di realizzare un’iniziativa importante e tangibile per dare una mano alla nostra comunità: è stato veramente un successo, tutte le persone hanno accolto l’iniziativa con enorme entusiasmo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia della strada a Calbenzano: muore 26enne. Ferito il fratello. Chiusa la Sr71

  • Al via il casting per la fiction con Vanessa Incontrada ad Arezzo: come candidarsi. Ciak da giugno

  • Tragico schianto sulla Sr71, così ha perso la vita Cristian

  • Toscana ancora arancione. Ma oggi si decide su riaperture e ritorno in zona gialla

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2020/2021

  • Alessandro morto per Covid a 54anni. Ogni sera la famiglia lo sosteneva dal vetro della terapia intensiva

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento