Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Nuovo trasporto pubblico su gomma in Valdarno. Via al progetto

Iniziati i lavori di posa delle nuove pensiline. Dal 2 maggio i bus saranno più confortevoli, dotati di nuove tecnologie e con dimensioni ridotte rispetto ai classici bus di linea

È iniziata da alcuni giorni la posa delle nuove pensiline in tutto il territorio del Valdarno: prende forma così il MIV (Mobilità in Valdarno), il servizio di trasporto pubblico su gomma che mira a cambiare il modo di muoversi nel Valdarno aretino. La posa delle nuove pensiline, che andrà avanti per le prossime settimane, costituisce un passo importante non solo perché segna concretamente l’inizio del nuovo progetto di mobilità pubblica, ma anche perché contribuisce a migliorare l’arredo pubblico dei comuni toccati dalla circolare.

Nei prossimi giorni, oltre all’installazione delle nuove pensiline, avrà inizio anche l’attività di ricondizionamento delle pensiline esistenti, in modo che tutto il circuito delle fermate acquisti un nuovo decoro e garantisca un maggiore comfort. MIV infatti è un sistema di trasporto pubblico rivoluzionario, con corse cadenzate sul modello delle reti di trasporto urbano delle grandi città. Nuovi mezzi, con wifi a bordo, tracciamento satellitare e monitor interni, corse cadenzate ogni 30 minuti - nel fondovalle - e ogni 60 minuti nelle colline e un servizio che consentirà di raggiungere tutti i principali punti di interesse in modo comodo e sostenibile anche da un punto di vista ambientale.

Il servizio della MIV - come ormai è stata ribattezzata la circolare - sarà presentato ufficialmente entro poche settimane e vedrà la luce a partire dal 2 maggio, giorno in cui prenderanno servizio i nuovi mezzi e il nuovo cadenzamento. Proprio alcuni dei bus coinvolti sono una delle novità più interessanti: più confortevoli, dotati di nuove tecnologie e con dimensioni più ridotte rispetto ai classici bus di linea. MIV nasce da un’iniziativa della Regione Toscana, che nel 2016 ha sottoscritto un accordo con la provincia di Arezzo e i comuni di Cavriglia (comune capofila), Bucine, Castelfranco-Pian di Scò, Loro Ciuffenna, Montevarchi, Pergine-Laterina, San Giovanni Valdarno e Terranuova Bracciolini.

Obiettivo dell’accordo era proprio quello di ristrutturare il sistema di trasporto pubblico su gomma nel Valdarno aretino e di diminuire l’uso delle auto per gli spostamenti, nell’ottica di un decongestionamento del traffico e di una riduzione dell’inquinamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo trasporto pubblico su gomma in Valdarno. Via al progetto

ArezzoNotizie è in caricamento