Tagli degli uffici postali, i sindaci scendono in piazza

I sindaci vanno in piazza per gridare ancora una volta il loro no al piano di chiusura degli uffici postali, confermato da Poste Italiane dopo la pausa estiva, che in Toscana prevede la cancellazione di 59 sedi. Giovedì 3 settembre, alle 10.00, i...

TERRANUOVA B.NI: P.ZZA DELLA REPUBBLICA

I sindaci vanno in piazza per gridare ancora una volta il loro no al piano di chiusura degli uffici postali, confermato da Poste Italiane dopo la pausa estiva, che in Toscana prevede la cancellazione di 59 sedi. Giovedì 3 settembre, alle 10.00, i primi cittadini toscani manifesteranno davanti alla sede regionale delle Poste di via Pellicceria, nel cuore di Firenze, “per contrastare ancora una volta la decisione dell’azienda di privare i territori di un servizio fondamentale per le nostre comunità”. Con l’Anci Toscana, rappresentata dal vicepresidente vicario e sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni, saranno in prima fila i sindaci dell’Unione comunale del Chianti fiorentino, di San Casciano e Greve, che per primi hanno lanciato l’iniziativa e, molto probabilmente, il presidente della Regione Toscana,

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Enrico Rossi.

“Il piano di Poste colpisce centri grandi e piccoli, creando problemi e difficoltà soprattutto alle persone più anziane e disagiate, per le quali l’ufficio postale è un solido riferimento – sottolinea Sergio Chienni - Bisogna continuare con tutti gli strumenti ad opporsi al taglio dei servizi, in considerazione tra l’altro del fatto che Poste, oltre a essere un’azienda a partecipazione pubblica, ha un bilancio positivo che le permetterebbe di continuare a mantenere aperti gli sportelli che invece vuol chiudere. Non a caso le nostre iniziative - ha concluso il vicepresidente ANCI Toscana - sono di carattere politico come questa, ma anche di carattere giuridico. Abbiamo infatti promosso un ricorso al TAR contestando la procedura adottata da Poste, che non ha visto il dovuto coinvolgimento degli enti locali, ed entrando nel merito della scelta perché Poste non ha prodotto adeguate motivazioni che giustificassero la chiusura.

Ad esempio non è stato dimostrato che si tratti di uffici che sono in perdita economica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • LIVE | Elezioni, seconda proiezione Toscana: Giani 48% e Ceccardi 40,7%. Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento