rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità Castiglion Fiorentino

"No war", il maxi simbolo della pace steso dagli studenti al Cassero

Professori, la giunta comunale insieme agli studenti del college americano Santa Chiara Study Centre hanno manifestato a Castiglion Fiorentino, questa mattina, lanciando un messaggio contro la guerra

Insieme per dire no alla guerra, uniti, perché l’unione fa la forza. Professori, la giunta comunale insieme agli studenti del college americano Santa Chiara Study Centre sono scesi in piazza, questa mattina, per lanciare un messaggio contro la guerra. “Dopo le prime notizie sul conflitto ci siamo ritrovati in presidenza e insieme al dirigente Tavarnesi è nata l’idea di fare una manifestazione coinvolgendo tutti gli studenti per lanciare, così, un forte segnale di pace. Grazie a tutti dal preside Tavarnesi, ai professori e al sindaco Agnelli per averci permesso di realizzare questa iniziativa” affermano all’unisono Andrea Valentini e Matteo Amatucci del Comitato Studentesco dell’istituto Giovanni da Castiglione. La guerra nel cuore dell'Europa ha messo in allerta l'intero continente e ha destato molto preoccupazione anche nelle giovani generazioni che hanno sentito la necessità di manifestare pubblicamente sia il proprio dissenso verso le azioni russe che la solidarietà al popolo ucraino. Questa mattina il corteo studentesco si è ritrovato di fronte a Porta Fiorentina per poi convergere verso il piazzale del Cassero dove si è conclusa la manifestazione. Il simbolo della pace creato con delle lenzuola bianche sul tappeto verde ha urlato al cielo “No War”.

La manifestazione "No War"

“Non poteva non essere accolta la richiesta avanzata dal preside Tavarnesi e formulata dal Comitato Studentesco che ha indetto, al posto di un banale sciopero,  la pacifica quanto significativa manifestazione di questa mattina. Un’iniziativa che  fa da cassa di risonanza al messaggio di contrarietà, diffuso in gran parte del pianeta, formulato dalla popolazione scolastica che frequenta l’Istituto castiglionese dimostrando, così,  un indice di serietà e di senso civico molto elevato. Mentre accade tutto questo si moltiplicano le iniziative a favore delle onlus locali come la Misericordia, la Caritas e la Croce Rossa e si registrano i primi arrivi di profughi che sono in larga parte ricongiungimenti familiari di donne e bambini” conclude il sindaco Mario Agnelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No war", il maxi simbolo della pace steso dagli studenti al Cassero

ArezzoNotizie è in caricamento