Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Comune aretino vieta l'uso dell'acqua pubblica per innaffiare l'orto o lavare l'auto. Multe fino a 500 euro

La decisione è stata presa dal sindaco di Cavriglia a seguito della comunicazione dell'Autorità Idrica Toscana che ha invitato i primi cittadini della Regione a vietare un uso non essenziale delle risorse idriche, in vista di una stagione estiva particolarmente torrida

Il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl'Innocenti o Sanni ha firmato un'ordinanza per la razionalizzazione del consumo di acqua potabile fino al 30 settembre prossimo.

L'attuazione della delibera arriva a seguito della comunicazione dell'Autorità Idrica Toscana che ha invitato i primi cittadini della Regione a vietare un uso non essenziale delle risorse idriche, in vista di una stagione estiva particolarmente torrida.

Per l'intero periodo fino alla fine del mese di settembre è dunque previsto il divieto assoluto su tutto il territorio comunale di utilizzare acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico-domestici.

Nello specifico, a titolo di esempio, sono proibiti prelievi da fontane per usi diversi da quelli potabili e igienici, l'irrigazione di orti e giardini con superficie superiore a 500 mq, l'innaffiamento e irrigazione di superfici adibite ad attività sportive, l'alimentazione di impianti di climatizzazione, il riempimento di piscine private non inserite in attività turistico-ricettive, il lavaggio delle fosse biologiche e dei propri mezzi di trasporto.

La mancata osservanza delle disposizioni contenute nell'Ordinanza, comporta una sanzione amministrativa da un minimo di 100 a un massimo di 500 euro.

La Polizia Municipale è incaricata dei controlli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune aretino vieta l'uso dell'acqua pubblica per innaffiare l'orto o lavare l'auto. Multe fino a 500 euro

ArezzoNotizie è in caricamento