Attualità

"Il Pao vive". Targa commemorativa al parco di via Arno, il campino intitolato a Francesco Paolucci

"Il tempo passa ma il tuo ricordo resta". E adesso il suo nome sarà letto da tutti gli aretini che utilizzeranno il "campino" del parco di via Arno. Sabato 11 novembre alle 10,30 all'interno dell'area verde che si trova nel quartiere...

23316305_1548195935227309_2752865293590386596_n





"Il tempo passa ma il tuo ricordo resta".

E adesso il suo nome sarà letto da tutti gli aretini che utilizzeranno il "campino" del parco di via Arno.


Sabato 11 novembre alle 10,30 all'interno dell'area verde che si trova nel quartiere del Villaggio Gattolino verrà esposta la targa che ricorderà Francesco Paolucci, conosciuto da tutti come "Il Pao", scomparso al termine di una terribile malattia nel febbraio del 2004 a soli 33 anni.

Dell'iniziativa si è fatto promotore in prima persona Lorenzo Alberti, membro storico del gruppo ultras "2 Giugno Drunk", e il suo appello è stato raccolto dal consiglio comunale di Arezzo che ha dato l'ok all'installazione della targa commemorativa.




"All'interno del parco Arno del Villaggio Gattolino c'è il mitico "Campino". Campetto da calcio che, per oltre 30 anni, è stato attraverso la pratica del calcio e la passione per i colori amaranto il tramite d'unione per minimo 3 generazioni di ragazzi aretini che vivevano nella zona Saione-Belvedere-Gattolino. Francesco Paolucci conosciuto meglio come il "Pao" è stato l'emblema di questa storia. Negli anni '80 e '90 organizzava tornei di calcio e calcetto riuscendo ad aggregare nel none dello sport e dell"amicizia numerosi gruppi di giovani. Nel 1991 fondò il gruppo di tifosi amaranto del "Due Giugno Drunk". Oggi, dopo 13 anni dalla sua scomparsa, sarà onorato attraverso una targa che verrà installata all'interno del parco Arno così che il campino porterà per sempre il suo nome. Il nostro infinito grazie, in primis, all'encomiabile interessamento da parte del gruppo consiliare OraGhinelli è poi a tutto il consiglio comunale. Allo stesso modo vogliamo ringraziare i ragazzi della Fossa Amaranto che per oltre 13 anni hanno sempre ricordato Il Pao durante le partite dell'Arezzo. Per questo non esiste moneta che possa ripagare quello che hanno fatto e stanno facendo".





© Riproduzione riservata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Pao vive". Targa commemorativa al parco di via Arno, il campino intitolato a Francesco Paolucci

ArezzoNotizie è in caricamento