Attualità

Il 2 Giugno ad Arezzo nello splendido scenario dell'Anfiteatro. Le parole di Mattarella e quelle dei Diari di Pieve

Prima la deposizione della corona ai caduti, poi la cerimonia nello splendido scenario dell'Anfiteatro Romano, riaperto per l'occasione e sempre poco sfruttato per ospitare manifestazioni, come meriterebbe. Le celebrazioni della Festa della...

2giugno-7

Prima la deposizione della corona ai caduti, poi la cerimonia nello splendido scenario dell'Anfiteatro Romano, riaperto per l'occasione e sempre poco sfruttato per ospitare manifestazioni, come meriterebbe.

Le celebrazioni della Festa della Repubblica ad Arezzo si sono incentrate sul richiamo, da non dare mai per scontato, alla Costituzione, con tutti i suoi principi fondanti lo stato italiano. Sono passati 72 anni da quando i cittadini si espressero a favore della Repubblica. Così sempre si rinnova la fetsa del 2 giugno.

E nel suggestivo scenario, per voce del Prefetto di Arezzo Clara Vaccaro è risuonato il messaggio che il presidente Mattarella ha inviato ai rappresentanti di governo nel territorio.

/attualita/la-costituzione-la-spina-dorsale-dei-nostri-diritti-messaggio-clara-vaccaro-vista-del-2-giugno/

Alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose la celebrazione è continuata con l'Inno alla Gioia e la lettura di bravi di diari di Pieve Santo Stefano come chiaro richiamo ad una Italia protagonista in Europa e fondata su valori antifascisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 2 Giugno ad Arezzo nello splendido scenario dell'Anfiteatro. Le parole di Mattarella e quelle dei Diari di Pieve

ArezzoNotizie è in caricamento