Attualità

Estate: come evitare gli insetti pericolosi

Molti degli insetti che popolano il nostro Paese sono attivi e vitali solo durante la bella stagione, a partire dalla primavera fino all’autunno. Non è ampio il pericolo per quanto riguarda insetti che possono risultare letali, ma ci sono diversi...

zanzara

Molti degli insetti che popolano il nostro Paese sono attivi e vitali solo durante la bella stagione, a partire dalla primavera fino all'autunno. Non è ampio il pericolo per quanto riguarda insetti che possono risultare letali, ma ci sono diversi piccoli animali che possono causare sicuramente qualche importante fastidio. Si pensi ad esempio alle zanzare, che nel corso della notte pungono le loro "vittime" e ne succhiano il sangue, oppure alle vespe, che pungono gli umani e gli altri animali quando si sentono in pericolo. Questi insetti possono in alcune zone essere attivi anche durante l'inverno, ma la maggiore propensione a trascorrere del tempo all'aperto ci porta a considerare maggiormente la minaccia da parte di questi esseri nel corso della bella stagione, quando si trascorrono molte ore in giardino o effettuando attività nella natura.

Quali animali pericolosi

Fortunatamente nelle città italiane non esistono tanti insetti che possono essere considerati pericolosi in senso lato. In alcuni casi, come per vespe, api e calabroni, il pericolo si traduce semplicemente nella possibilità di una puntura dolorosa e di lenta guarigione, certo poi che nel caso di persone allergiche alle punture di questi insetti stiamo parlando di un rischio reale. Ci sono poi alcune specie di ragno che possono risultare molto dannose per la salute umana, difficilmente però si avvicinano all'uomo e ancora più difficilmente lo pungono. Stiamo quindi parlando di casi sporadici, di una certa gravità ma con una probabilità di verificarsi quasi remota. Possono portare qualche danno anche le zecche, soprattutto nel caso in cui siano portatrici della malattia di Lime, o anche le zanzare, soprattutto se portatrici di alcuni batteri che causano malattie decisamente poco gradevoli.

Tenersi lontano dai pericoli

Il primo metodo per prevenire l'attacco da parte degli insetti dannosi consiste nel tenersene lontani. Come? Dipende dal singolo insetto; ad esempio per evitare le punture di zanzara è possibile posizionare delle zanzariere in casa e utilizzare appositi prodotti repellenti quando si va all'aperto. I repellenti anti zanzare sono indicati soprattutto per i bambini e le persone anziane, che potrebbero subire un danno maggiore in caso di innumerevoli punture di zanzare o di pappataci. Per evitare di essere punti da api, vespe e calabroni basta in genere tenersi lontano dai questi animaletti, i quali pungono solo nel caso in cui si sentano minacciate. Certo è che se si trova un nido di vespe vicino alla casa, è consigliabile contattare subito un'azienda che si occupa di disinfestazione vespe, in modo da avere la sicurezza di non disturbare gli insetti, neppure per caso o disattenzione.

Le zecche e insetti gli dei prati

Alcuni insetti, come ad esempio le zecche, spesso si appostano nell'erba, in attesa del passaggio di una "preda". Per evitare di essere attaccati e punti da questi insetti conviene sempre avere un abbigliamento consono al luogo in cui ci si trova. In Italia la presenza di zecche nei prati è spesso correlata al pascolo delle pecore, o alla disponibilità di animali selvatici di taglia medio grande. Quando ci si reca in queste zone è sempre bene indossare pantaloni lunghi, evitando di esporre le gambe, anche le caviglie, all'aria aperta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estate: come evitare gli insetti pericolosi

ArezzoNotizie è in caricamento