Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

Sestini: "La cometa si può vedere ad occhio nudo - spiega Sestini - il momento migliore è tra le 4,15 e le 4,30 del mattino. Dobbiamo volgere lo sguardo verso nord est sotto, proprio sotto la stella Alfa dell'Auriga"

Gli appassionati aretini hanno fatto una levataccia, ma le foto che hanno scattato mostrano come ne sia davvero valsa la pena. Da questa notte è infatti visibile per un paio di settimane la cometa NeoWise. Il suo passaggio è visibile, con un pizzico di attenzione e un po' di pazienza, anche a occhio nudo. 

"Alle 3.00 eravamo già pronti ad aspettare la cometa che in questo momento ha una forte attenzione - spiega Lorenzo Sestini, presidente del nuovo Gruppo Astrofili -. Il cielo all'inizio era nuvoloso ma poi abbiamo avuto una fortuna "sfacciata" e per magia si è aperto precisamente nel momento più bello".

La cometa è stata una sorta di "sorpresa": è stata infatti scoperta solo lo scorso 25 marzo. Proviene dalla Nube di Oort, che si trova ai confini del sistema Solare e avvicinandosi alla Terra si è rivelata molto brillante.  Il passaggio più vicino al Sole è avvenuto lo scorso 3 luglio, quando era a "soli" 44 milioni di chilometri. Ha superato indenne questa distanza e oggi si può ammirare anche nei cieli aretini. Il momento di massimo avvicinamento alla Terra è previsto fra il 22 e il 23 luglio. 

${mediaPreview,gallery:13967}

Come e quando osservarla

"La cometa si può vedere ad occhio nudo - spiega Sestini - il momento migliore è tra le 4,15 e le 4,30 del mattino. Dobbiamo volgere lo sguardo verso nord est sotto, proprio sotto la stella Alfa dell'Auriga. In pratica, le migliori postazioni sono in zone con campo visivo libero a nord est, come ad esempio a Poti".

L'ideale sarebbe portarsi dietro un binocolo: la cometa si vede anche a occhio nudo, ma con le lenti è possibile godersi meglio lo spettacolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento