Bando servizi per l'infanzia, vertice Comune-Università. Tanti e Fabbri: "Un percorso per il cambiamento"

Si è svolto un incontro tra gli assessori Lucia Tanti e Barbara Magi e la professoressa Loretta Fabbri, direttrice del Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena. Al centro...

lucia-tanti-3

Si è svolto un incontro tra gli assessori Lucia Tanti e Barbara Magi e la professoressa Loretta Fabbri, direttrice del Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena. Al centro, il tanto discusso bando dei servizi per l'infanzia per la sostituzione del personale educativo in caso di assenza temporanea e imprevista. Finito anche in un'interrogazione del consigliere comunale del Pd Alessandro Caneschi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Si è tenuto presente che ci muoviamo in un sistema che da 30 anni individua un unico profilo professionale per il ruolo degli educatori del nido e della scuola materna - spiega una nota del Comune - e una normativa nazionale che al momento consente questo impianto. Tuttavia, l’amministrazione è consapevole degli approfondimenti di tipo scientifico in materia che suggeriscono la diversificazione del profilo professionale per l’accesso al nido e alla scuola materna tenuto conto dei nuovi orientamenti legislativi che entreranno in vigore a partire dall’anno scolastico 2019/20.

“E’ mio convincimento potenziare la collaborazione con il Dipartimento Universitario, per costruire fin da subito un percorso di confronto sul profilo diversificato, superando l’impianto attuale: ancora pienamente legittimo dal punto di vista della normativa, ma che obiettivamente necessita di una rivisitazione di tipo scientifico. In occasione dell’incontro si è anche fatto riferimento a molte altre possibilità di collaborazione tra Comune e Università” spiega l’assessore alla scuola e alle politiche sociali Lucia Tanti.

Il Comune di Arezzo, nonostante l’istituzione dei corsi di laurea a indirizzo specifico per educatori dei servizi educativi per l’infanzia e dei corsi di laurea a ciclo unico quinquennale in scienze della formazione primaria per insegnanti di scuola dell’infanzia, ha continuato a far riferimento ad un unico profilo professionale di educatore per i servizi dell’infanzia, istituito ben trenta anni fa, e che non si è allineato nel tempo all’esigenza di professionalità specifiche formate da percorsi universitari istituiti appositamente – ha detto la professoressa Fabbri -. Il confronto con la ricerca scientifica e con il quadro normativo nazionale, che regola la formazione degli insegnanti e degli educatori, avrebbe evitato nel tempo derive autoreferenziali e non compatibili con i processi di cambiamento in atto. Insieme all’assessore Lucia Tanti abbiamo preso atto della necessità di adeguare i profili professionali alle attuali normative. Dal 2019 l’accesso ai posti di educatore di servizi educativi per l’infanzia sarà ‘consentito esclusivamente a coloro che sono in possesso della laurea triennale in Scienze dell’educazione nella classe L19 a indirizzo specifico per educatori dei servizi educativi per l’infanzia o della laurea quinquennale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria integrata da un corso di specializzazione (Decreto Legislativo 65/2017)’. Prendiamo atto – ha concluso la professoressa Fabbri - che si apre una fase di confronto e cambiamento con l’amministrazione comunale che dovrebbe permettere ai servizi dell’infanzia della città di Arezzo di adeguarsi ai processi innovativi e alle nuove norme legislative e che consentirà alle nostre studentesse e ai nostri studenti di accedere ai concorsi per i servizi per l’infanzia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento