menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Giorgio Lucaroni la terza borsa di studio intitolata a Bruno Bernacchia

La Borsa di Studio, ideata e promossa dall’associazione “Amici di Bruno”, premia con un assegno di tremila euro una tesi o una ricerca o uno studio sul pensiero politico italiano, la storia dei partiti politici e dei movimenti dell’Italia repubblicana che hanno segnato la storia dell’Italia repubblicana

La terza edizione della Borsa di Studio “Bruno Bernacchia” è stata assegnata a Giorgio Lucaroni, autore della tesi di dottorato intitolata
“Architetture e linguaggi di storia. Fascismo, storicità e cultura architettonica italiana tra le due guerre: 1919-1936”. La Borsa di Studio,
ideata e promossa dall’associazione “Amici di Bruno”, premia con un assegno di tremila euro una tesi o una ricerca o uno studio sul pensiero politico italiano, la storia dei partiti politici e dei movimenti dell’Italia repubblicana, le vicende economico-sociali che hanno segnato la storia dell’Italia repubblicana. La Borsa è intitolata a Bruno Bernacchia, un aretino speciale, attivo nel partito socialista dalla metà degli anni ’60, poeta e studioso di filosofia, scomparso nel  2010. La Borsa di Studio a lui intitolata è giunta quest’anno alla terza edizione, le due precedenti si sono tenute nel 2016 e nel 2018 e hanno premiato rispettivamente Jacopo Perazzoli e Chiara Di Cataldo.

La Borsa di Studio “Bruno Bernacchia” si avvale, sin dalla prima edizione, della collaborazione e del patrocinio della Società Italiana per lo Studio della Storia contemporanea (Sissco) alla quale gli “Amici di Bruno” esprimono gratitudine per il supporto scientifico e per la  collaborazione nella promozione del premio.

La giuria del Premio Bruno Bernacchia 2020 – composta da tre rappresentanti degli “Amici di Bruno” oltre che dagli storici Anna Tonelli, Alessandra Pescarolo, Jacopo Perazzoli e Chiara Di Cataldo – ha attribuito il primo posto nella graduatoria finale alla tesi di dottorato di Giorgio Lucaroni con un’articolata motivazione della quale qui si propone l’esordio: “La ricerca di Lucaroni applica alla cultura del periodo fascista un taglio decisamente innovativo, aprendosi all’interdisciplinarietà in modo non esteriore, e gettando uno sguardo profondo sull’architettura del periodo fascista; la vicenda architettonica è ricondotta tuttavia, con padronanza e passione, nell’alveo del più aggiornato dibattito storiografico sul ruolo delle rappresentazioni culturali nella ricerca del consenso e del potere.”

La giuria del Premio Bruno Bernacchia 2020 ha attribuito anche le tre seguenti menzioni speciali: tesi di dottorato di Simeone Del Prete, “Il Partito comunista italiano dinanzi al «processo alla Resistenza»: il Comitato di Solidarietà Democratica e la difesa degli ex-partigiani
(1948-1953)”; tesi di dottorato di Giulia Cioci, “L’Udi e il Cif nelle reti transnazionali. Politiche associative e strategie di genere dal 1945 al
1966”; tesi magistrale di Davide Mutto, “Venetismo: l'invenzione identitaria e i suoi usi politici nel Veneto contemporaneo”.

La cerimonia di premiazione, programmata in questo mese, è stata rimandata al 2021 visto che prevede un Colloquio di studio  attualmente non realizzabile a causa dell’emergenza sanitaria. Intanto, gli “Amici di Bruno” hanno fatto avere il premio a Giorgio Lucaroni quale segno tangibile dello scopo della Borsa, un assegno vitale in un periodo che vede l’università e la ricerca fortemente penalizzati.

Giorgio Lucaroni ha studiato a Roma e poi a Padova, dove si è addottorato con una tesi sul fascismo italiano come regime di storicità utilizzando come terreno di ricerca la cultura architettonica italiana tra le due guerre. Ha ottenuto un Master in Public History ed è stato visiting scholar presso l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e la University of California di Los Angeles. Attualmente è borsista presso l'Istituto Germanico di Roma dove porta avanti una ricerca sull'eredità del patrimonio architettonico e urbanistico del ventennio nell'Italia repubblicana.

Bruno Bernacchia ha lasciato ad Arezzo una scia di ricordi straordinari, perlopiù legati al suo impegno politico che ne fecero un personaggio libero e un pensatore anticonformista, apprezzato per lo spiccato senso civico e l’indipendenza di giudizio.

Nato a Panicarola sul Lago Trasimeno nel 1944 da una numerosa famiglia contadina, si diploma ragioniere a Perugia e si trasferisce ad Arezzo, dove divide la sua vita tra il lavoro nella grande azienda di confezioni Lebole-Marzotto e la politica, alla quale si dedica prima  nel ruolo di segretario provinciale del Psi e poi di Capogruppo in Consiglio Comunale ad Arezzo.

Negli anni ’80 si batte fortemente per la realizzazione del nuovo Ospedale unico ad Arezzo, l’odierno San Donato.

Uomo passionale, di sentimenti crudi e puri, Bruno Bernacchia ha lasciato una raccolta di poesie, “Con ali di farfalla”, dove con un linguaggio semplice e intenso ha racchiuso i propri ricordi, gli affetti, le emozioni passeggere e le donne della propria vita, superando la finitezza della vita.

Gli amici lo ricordano come uomo coerente, pronto a difendere le proprie idee senza mai disprezzare quelle altrui, “socialista libertario ricco di umanesimo e delicato poeta”, degno di una dedica importante per i giovani studiosi di Storia contemporanea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento