menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il ricordo dei cari defunti e le visite ai cimiteri, Borri: "Raccomando il rispetto delle regole per evitare contagi"

Anche questo momento dell'anno non deve sfuggire alle regole di contenimento del contagio da Coronavirus

Rafforzata la vigilanza, lanciati appelli, ricordate le prescrizioni. Si apre il weekend in cui gli aretini vorranno fare visita ai cimiteri per commemorare i loro cari defunti. Anche questo momento dell'anno non deve sfuggire alle regole di contenimento del contagio da Coronavirus. 

Il giorno dei defunti è fissato nel calendario per lunedì 2 novembre, ma già l'afflusso dei visitatori, soprattutto al cimitero monumentale della città di Arezzo, è cominciato. 

Nei giorni scorsi il presidente di Arezzo Multiservizi Guglielmo Borri aveva ribadito regole di comportamento auspicando che non si creino sovraffollamenti e capannelli di persone, di parenti che si incontrano. 

"Faccio appello al corretto comportamento di tutti, è vero siamo all'aperto, ma richiamiamo tutti alla massima attenzione e al rispetto delle regole. I primi guardiani siamo noi stessi. Quindi evitate di fermarvi a parlare con altre persone, anche se incontrate parenti che non vedete da tempo e la mascherina va sempre indossata. Noi abbiamo comunque un servizio di vigilanza, abbiamo installato la cartellonistica che ricorda le prescrizioni e abbiamo acquistato anche 20 scale per Arezzo per le tombe posizionate in alto per evitare che i cittadini aspettino in fila il proprio turno."

Lunedì poi ci saranno tutte le cerimonie, ma a ranghi ridotti, come hanno ribadito Prefettura, Provincia e Comune in una nota congiunta.

Il programma di lunedì 2 novembre

Alle ore 9.30  si terrà l'alzabandiera presso il “Riquadro Militare” del Cimitero Urbano con la deposizione della corona di alloro. Alle ore 10.00 seguirà la Messa in suffragio dei Caduti di tutte le guerre presso la cappella del Cimitero Urbano presieduta dal Vicario Generale, Mons. Fabrizio Vantini. Alle 15 la Messa per la popolazione. Entrambe si terranno all'aperto, nel piazzale accanto alla Cappella del cimitero. 
"In questo caso - ha spiegato il presidente Borri - stiamo per allestire il piazzale sterrato del cimitero accanto alla chiesa con un piccolo palco dove sarà posizionato l'altare, perché la messa si terrà all'aperto e saranno disposte anche 200 sedie ben distanziate per coloro che vorranno prendere parte. L'accesso sarà limitato a questa capienza e sarà creato un corridoio di entrata, dal cancello vecchio per capirsi, e di uscita dal cancello nuovo che si affaccia nel parcheggio delle auto."

Per organizzare il tutto da oggi e fino al 2 novembre il parcheggio piccolo al vecchio cancello sarà chiuso, sarà consentita solo la manovra per auto che trasportano persone che hanno problemi di deambulazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento