Commemorazione dei defunti e giorno dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate. Cerimonie senza pubblico

Le celebrazioni, cui prenderanno parte un numero ristretto di autorità cittadine, si svolgeranno nel pieno rispetto dei protocolli attualmente vigenti, ed in assenza di pubblico

Le cerimonie previste in occasione del 2 novembre, commemorazione dei defunti , e del 4 novembre, giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, si articoleranno con un programma parzilamente modificato, considerato il periodo di emergenza pandemica che impone comportamenti di prevenzione e contenimento dei contagi:

2 novembre

ore 9.30 - Alzabandiera presso il “Riquadro Militare” del Cimitero Urbano e deposizione della corona di alloro.

ore 10.00 - S. Messa in suffragio dei Caduti di tutte le guerre presso la cappella del Cimitero Urbano presieduta dal Vicario Generale, Mons. Fabrizio Vantini

4 novembre 

Ore 10.15 -  Alzabandiera presso il “Sacrario Militare” in Via dell’Anfiteatro e deposizione della corona di alloro.

Seguiranno le letture del  messaggio del Presidente della Repubblica, del Ministro della Difesa ed il saluto del Rappresentante del Coordinamento Provinciale tra le Associazioni d’Arma. Le celebrazioni, cui prenderanno parte un numero ristretto di autorità cittadine, si svolgeranno nel pieno rispetto dei protocolli attualmente vigenti, ed in assenza di pubblico.

Il programma a San Giovanni Valdarno

Le celebrazioni del 4 Novembre - Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Amate nell’anniversario della fine del primo conflitto mondiale - si terranno quest’anno senza la partecipazione del pubblico, nel rispetto delle misure del Governo di contrasto al contagio da covid. Le commemorazioni inizieranno al mattino alle ore 8.30 con la Santa Messa in San Lorenzo. Alle 9.45 la Deposizione di una Corona d’Alloro al Sacrario dei Caduti presso il Cimitero Urbano. Alle 10.15 la Deposizione di una Corona e la Commemorazione ufficiale al Monumento ai Caduti, al Giardino Pineta, dove porterà un saluto il Sindaco della città di San Giovanni Valdarno, Valentina Vadi. “Come ogni anno nella nostra città celebriamo la giornata del 4 Novembre: in ricordo della fine della prima guerra mondiale, sancita dall'Armistizio di Villa Giusti, siglato a Padova, che permise agli italiani di completare il processo di unificazione nazionale. E in ricordo del sacrificio di tanti italiani chiamati alle armi, le cui vite sono state spezzate nella tragedia della guerra – è quanto dichiara Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno – Un anniversario che quest’anno, per la prima volta, celebriamo in forma inedita, ma non per questo meno sentita. E’ infatti in momenti difficili, come quello che stiamo attraversando, che questo Paese si è sempre contraddistinto per i valori dell’unità e della solidarietà che ci hanno permesso di superare pagine di storia buie e dolorose, e di cui ancora oggi abbiamo bisogno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento