menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disastro E45, il pilota Piccini: "Toppe nell'asfalto, ma mai lavori di qualità. Perché?"

Intervista a chi ha un occhio esperto in tema di asfalto e quattro ruote. Il pilota di Sansepolcro Andrea Piccini commenta le condizioni del tratto di E45 che percorre per andare al lavoro a Cesena

"Perché non riescono a organizzare lavori di manutenzione efficienti?" Questa la domanda che si pone Andrea Piccini, pilota di auto e uno dei più assidui frequentatori della E45 visto che proprio per motivi di lavoro fa la spola da anni con la città di Cesena.

"Da Sansepolcro mi sposto molto spesso in Romagna dove adesso abbiamo aperto una società che si occupa di auto da competizione e la settimana scorsa ho vissuto alcuni dei momenti più difficili di sempre, con la neve che ha bloccato la viabilità in una strada che è ridotta in condizioni drammatiche." Insomma un occhio esperto di chi di asfalto ne ha visto scorrere molto sotto le quattro ruote, visto che Andrea Piccini è arrivato fino ad essere collaudatore nella Minardi in Formula 1 nel 2001, ha corso in gran turismo e continua a correre con auto da competizione. E molti chilometri li ha spesi su e giù per la E45.piccini andrea kessel racing-3

"E' sempre stata disastrata, in 40 anni una sola volta l'ho trovata senza interruzioni per cantieri, chiamai mio fratello, che fa il mio stesso mestiere, per lo stupore. Ed è incomprensibile il motivo per cui se deve essere fatta la manutenzione, il tratto viene chiuso per un anno prima che parta il cantiere, con uno spreco di tempo assurdo. Perché?"

Quando ha nevicato e le tempereature sotto zero hanno  si è raggiunto il momento più difficile perché le condizioni meteo si sono sommate a quelle della strada "Crateri, più che buche, tratti sterrati più che asfaltati, con il tratto da Pieve Santo Stefano in poi il più disastrato, il Puleto imbarazzante. Detto questo però è altrettanto vero che non si può chiudere la E45, perché non c'è una strada alternativa possibile e non riesco a darmi una spiegazione del perché non sia fatta una manutenzione di qualità, perché la ex Tiberina 3Bis sia stata lasciata franare e mai ripristinata. Lungaggini inspiegabili."

Dopo decine di gomme che si sono squarciate, dopo che le pattuglie della polizia della zona ha scortato gli automobilisti in transito per evitare disagi e incidenti, dopo camion intraversati in entrambi i sensi di marcia sono intervenuti sì, con le toppe di asfalto. "Quanto dureranno? Pochissimo come sempre. Quindi in questi giorni si viaggia un po' meglio, ma c'è poco da stare allegri. Non posso certo dimenticare che proprio pochi giorni fa ho fatto tre ore di fila per salire e due a sera per scendere a Sansepolcro."

Una strada a pedaggio oppure altre misure per dare un sostegno a questa arteria così debole quanto così strategica?

"La chiusura del Puleto sarebbe un disastro, dal punto di vista economico, semmai non ci dovrebbero viaggiare tutti i camion che ci passano adesso, dovrebbero alleggerire il traffico di questa zona, i mezzi pesanti di Roma e Perugia dovrebbero passare dall'autostrada non da qui. Metterla a pagamento? Con il fatto che non c'è una strada alternativa non sarebbe giusto, potrebbero al massimo mettere un bollino una tantum a 40 euro l'anno come in Svizzera."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento