MontevarchiNotizie

Il sindaco di Montevarchi: "Il futuro di Podere Rota subito all'ordine del giorno in Ato"

Il sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini, ha chiesto ufficialmente all’Ato l’inserimento all’ordine del giorno dell’assemblea dei sindaci del confronto sulle prospettive degli impianti di smaltimento affrontando, in particolare, il...

silvia chiassai 2016

Il sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini, ha chiesto ufficialmente all’Ato l’inserimento all’ordine del giorno dell’assemblea dei sindaci del confronto sulle prospettive degli impianti di smaltimento affrontando, in particolare, il futuro della discarica valdarnese di Podere Rota.

“Ho raccolto l’invito dell’assessore Fratoni – afferma il sindaco Chiassai Martini – in uno degli incontri avuti in Regione, che siano i primi cittadini a trovare le soluzioni migliori per i territori. Per questo ho richiesto che in Ato si discuta ufficialmente del futuro di Podere Rota con la chiusura prevista nel 2021. Non ho intenzione di tirarmi indietro di fronte a responsabilità e decisioni da prendere nel solo interesse del cittadino. Stavolta sono ottimista che si possa operare nella direzione del cambiamento e delle proposte alternative, visti i nuovi equilibri politici all’interno dell’Ato e le prese di posizione anche del Pd valdarnese sulla volontà di rispettare la data di chiusura della discarica, con la speranza che non sia il solito annuncio pre-elettorale, ma un approccio diverso rivolto più alle comunità e meno al business. Mi auguro che la Regione non faccia finta di ascoltare i sindaci, ma si arrivi concretamente a smettere di trattare il Valdarno come una grande pattumiera della Toscana. Mi hanno preoccupato le ordinanze estive del presidente Rossi in cui si continua ad affrontare lo smaltimento dei rifiuti in una perenne condizione di “emergenza”, sopratutto per l’assenza di autonomia impiantistica dell’Ato Centro, in particolare del versante metropolitano fiorentino. Un’area che qualcuno vorrebbe addirittura abbracciare territorialmente perpetuando lo sfruttamento sopportato dal Valdarno in questi lunghi anni. Ringrazio pubblicamente il Comitato Vittime di Podere Rota per l’impegno continuo nella causa e anche per la recente mobilitazione sul conferimento dei fanghi di depurazione delle acque reflue urbane sempre a Podere Rota, posticipato, come si legge proprio nell’ordinanza del 3 agosto, ai primi di settembre per evitare il periodo più critico legato alle temperature che possono favorire lo sviluppo di odori molesti. Senza mezze parole si afferma che le criticità igenico-sanitarie e odorifere esistono, ma paiono passare, ancora una volta, in secondo piano lasciando sola la popolazione a combattere il disagio. Non possiamo più accettare passivamente queste condizioni. Dobbiamo riportare la gestione e il controllo dei servizi in mano ai territori proponendo un modello gestionale di forte ridimensionamento degli ambiti e superando la dipendenza cronica dalle discariche, spesso maleodoranti”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento