rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cortona Cortona

Monti del Parterre, dopo la sentenza parla Meoni: "Evitato il danno erariale, pronti per una nuova gestione"

Dal Comune di Cortona arriva la nota di commento della decisione presa dal giudice monocratico Pieschi

"La struttura adesso è in carico al Comune e siamo pronti per una manifestazione d'interesse per trovare un nuovo gestore." Così in sintesi il sindaco di Cortona Luciano Meoni torna a parlare dell'annosa vicenda della piscina dei Monti del Parterre, a poche ore di distanza dalla sentenza della sezione civile del Tribunale di Arezzo. Costruita attraverso un project financing e gestita da una ventina di soci anche locali, aveva una concessione d'uso per 20 anni che sarebbe scaduta nel 2023.

Nel 2020 però, complice le chiusure per Covid e la crisi, la società del Tennis Club ha deciso di restituire la struttura pubblica al Comune di Cortona che nel momento non l'ha voluta riprendere perché necessitava di interventi di ripristino della funzionalità e di manutenzione. L'iter è stato lungo e ha visto la stessa amministrazione opposta ai gestori fino a finire nelle aule del tribunale.

"Il Comune di Cortona non ha accettato la preventiva restituzione del bene perché contrastava con la stessa convenzione che ne prevedeva la restituzione in buono stato di utilizzo. Dagli accertamenti del Comune e dalla ctu, (consulenza tecnica d'ufficio) sono emerse infatti varie criticità" spiega una nota dell'amministrazione comunale.

Il giudice ha riconosciuto il diritto del Tennis Club a restituire il bene, ma l'ha anche condannato a concorrere alle spese individuate come necessarie per il ripristino funzionale della piscina stessa. 

"Si è conclusa con la condanna del Tennis Club Cortona Ssd ar.l. la vicenda che vedeva l’amministrazione comunale in giudizio nei confronti della suddetta società relativamente alla vicenda della piscina «Monti del Parterre». Il giudice del Tribunale civile di Arezzo ha condannato la Ssd Tennis Club Cortona a r.l. al pagamento di oltre 36mila euro al Comune e a ulteriori 5mila euro di spese legali" spiega la nota dell'amministrazione, attraverso la quale parla anche il primo cittadino.

"Giunti alla scadenza naturale dei 20 anni - dichiara il sindaco Luciano Meoni - il Comune di Cortona ha dovuto prendere in carico la struttura sportiva e ora è pronto a emanare una manifestazione di interesse in cui, a scomputo dei lavori necessari, verrà affidata a un nuovo gestore. Qualora avessimo impiegato risorse pubbliche senza richiederle al precedente gestore, saremmo potuti incorrere nell’ipotesi del danno erariale. Come ha stabilito la sentenza, al conduttore del ‘project financing’ spettava la restituzione del bene in buono stato d’uso. Abbiamo così evitato che le inadempienze della suddetta società ricadessero sulle spalle dei contribuenti. Sebbene abbia messo in liquidazione la sua società, il rappresentante legale del Tennis Club Cortona Ssd ar.l. ha ora la possibilità di restituire la somma dovuta dalla sua organizzazione all’amministrazione comunale."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monti del Parterre, dopo la sentenza parla Meoni: "Evitato il danno erariale, pronti per una nuova gestione"

ArezzoNotizie è in caricamento