Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

52mila tamponi in 7 mesi al laboratorio del San Donato. In arrivo nuovo strumento per Covid e altri virus

Per tarare le macchine che analizzano i tamponi il laboratorio di biologia molecolare di Arezzo ha acquisito frammenti di dna del virus

 

Il giorno di massima operatività è stato quello del 9 giugno scorso quando è stato necessario analizzare 1007 tamponi. Il laboratorio di analisi dell'ospedale San Donato di Arezzo ha superato anche questa prova. I tamponi sono stati analizzati grazie all'utilizzo di quattro diversi macchinari (di cui due dedicati all'emergenza-urgenza e a quelli provenienti dal pronto soccorso) che operano in ciclo continuo, 24 ore su 24, per rispondere nel più breve tempo possibile al bisogno di avere una risposta circa la positività o meno dal Covid. "Con il passare delle settimane e con l'implementazione di personale e di strumentazioni siamo arrivati a dare risposte nell'arco di 24 ore" hanno spiegato il direttore generale Antonio D'Urso e il responsbaile dei laboratori di analisi dell Asl Toscana Sud Est Agostino Ognibene.

I dati

Le performance del laboratorio di analisi che si trova all'interno dell'ospedale San Donato di Arezzo sono significative. Il periodo preso in esame è quello che va dal 2 febbraio 2020 al 3 settembre scorso. In tutto, al laboratorio di Arezzo, sono stati analizzati 48.491 tamponi di cui 46.602 sono risultati negativi, 1.130 positivi e 759 nulli. Aggiornando il dato a domenica 6 settembre i tamponi hanno superato quota 52mila. Il 15 % della popolazione aretina si già sottoposta al tampone. Un dato interessante si ha osservando i casi di rientro dalle vacanze: "Se prendiamo in considerazione il periodo che dal 27 agosto arriva al 6 settembre, da quando si è registrato un ritorno di casi positivi, la media giornaliera del laboratorio di Arezzo è praticamente raddoppiata raggiungendo le 756 unità, arrivando alla cifra di 9.079 tamponi, la più alta in Toscana tra i laboratori pubblici" ha spiegato Simona Dei, direttore sanitario della Asl Toscana Sud Est.

Dal 24 marzo in tutta la provincia di Arezzo abbiamo anche attivato la modalità Drive Through per effettuare i tamponi anche con l’auto in sicurezza ed in questo periodo ne sono stati eseguiti 9930 (Arezzo piazzale antistante Stadio 3333, Cortona Valdichiana 1375, Bibbiena - Casentino1650, Sansepolcro - Valtiberina 1725, Valdarno1847). Altro punto importante di effettuazione dei tamponi è la stazione FS di Arezzo dove dal 26 agosto è attivo una postazione specifica che, ad oggi, ha effettuato 1250 tamponi

"Questa operatività, paragonabile a quella dell'azienda ospedaliera universitaria pisana, ci rende fieri del laboratorio di analisi del San Donato, sia per la città che per l'intera Asl" ha detto D'Urso. "Entro settembre sarà istallata una nuova strumentazione che grazie anche ai reattivi aumenterà del 50% la capacità del laboratorio" ha spiegato Ognibene.

"L'esperienza del Covid e le implementazioni che stiamo facendo sul San Donato sono poi fondamentali per ben altre patologie e quindi anche nella fase post Covid" ha detto il direttore generale Antonio D'Urso. "Tutto quello di cui ci stiamo dotando, rappresenta il futuro dell'indagine per il laboratorio della biologia molecolare, un servizio che sta crescendo anche per altri casi, come quello dei batteri resistenti agli antibiotici" ha specificato Ognibene.

 “Il nostro obiettivo - afferma Antonio D’Urso - è quello di fare dell’ospedale di Arezzo ed anche di quello di Grosseto, due strutture altamente performanti e con servizi di alta professionalità. Per questo abbiamo investito, e lo faremo anche in futuro, sia in ambito tecnologico che sul personale. Questo insieme di interventi ci ha consentito di tenere sotto controllo i focolai di contagio e di garantire il normale svolgimento di tutte le attività sanitarie nei i presidi ospedalieri."

Ma qual'è la differenza tra positivo e debolmente positivo?

"Nel primo caso - ha detto D'Urso - il tampone è positivo al di sopra di ogni ragionevole dubbio, nell'altro caso significa che nell'effettuare l'analisi del tampone vengono riscontrati frammenti del virus che non possono portare a definirlo positivo. In questo caso, la Regione ha stabilito che si debba ripetere l'esame. Questo non significa che è un falso positivo, ma è un debolmente positivo."

Il dna del Sars-Cov 19 come base per valutare i tamponi

"Noi abbiamo comprato frammenti di dna del virus per tarare i nostri strumenti. Noi così abbiamo standardizzato la misura di riferimento e la usiamo in ogni corsa (in ogni ciclo di analisi degli strumenti nda) e sulla base di quello che viene noi riusciamo a capire in base alla concentrazione dei geni se la seduta di analisi è idonea o meno" ha spiegato Agostino Ognibene.

Dove leggere i risultati

“Oltre il 90% dei tamponi processati dal Laboratorio di Arezzo ha avuto il risultato entro le 24 ore, il 10% entro le 36 ore, ha dichiarato Agostino Ognibene Drettore del Laboratorio Analisi di Arezzo. I pochi inconvenienti che si sono verificati sono imputabili in gran parte alla difficoltà da parte del paziente nel recuperare l’informazione attraverso il fascicolo sanitario elettronico. Se un paziente risulta positivo viene in ogni caso contattato direttamente entro 24/36 ore."

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento