Giovedì, 23 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciardullo: "Ecco Benedetti e Sabatino. A breve parleremo anche di rinnovi"

Un acquisto e un gradito ritorno. Si apre così il calciomercato invernale dell'Arezzo con l'arrivo in prestito del centrocampista classe 1990 Alessio Benedetti dalla Cremonese e quello dell'esterno mancino Sergio Sabatino dall'Akragas. Due...

Un acquisto e un gradito ritorno. Si apre così il calciomercato invernale dell'Arezzo con l'arrivo in prestito del centrocampista classe 1990 Alessio Benedetti dalla Cremonese e quello dell'esterno mancino Sergio Sabatino dall'Akragas.

Due acquisti anche in chiave futura, soprattutto Sabatino, hanno sottolineato Stefano Brandini Dini, responsabile comunicazione dell'US Arezzo, e Francesco Panfili, responsabile scouting della società amaranto, che ha seguito da vicino i due giocatori (e non solo loro) in questa prima parte di stagione.

L'identikit di Alessio Benedetti. Centrocampista classe 1990 va a rinforzare il reparto più in sofferenza a livello numerico. Cresciuto nelle giovanili del Milan, Benedetti ha poi vestito la maglia dell'Orvietana, Perugia (all'attivo anche un gol contro l'Arezzo), Catanzaro, quella del Cittadella in Serie B e infine quella della Cremonese club al quale è legato con un contratto fino al 30 giugno 2017. Reduce da un lieve infortunio a metà dicembre il 25enne originario di Assisi sarà sicuramente a disposizione contro il Santarcangelo.

Il ritorno di Sergio Sabatino. Non servite molto parole per presentare l'esterno classe '88 arrivato dall'Akragas.

"L'anno scorso Capuano mi contattò il giorno di Natale e non fece fatica nel convincermi a venire ad Arezzo - ha confessato Sabatino. Quest'anno la telefonata è arrivata durante la vigilia di Natale ed ho detto subito di sì. La mia esperienza con l'Akragsas? Posso parlare solo bene della mia ex società. In estate con l'Arezzo non avevamo trovato l'accordo e un po' a malincuore lasciai questa maglia per tornare vicino casa. Ho sempre giocato e sono a disposizione del mister. Spero soltanto che il mio esordio possa essere migliore del precedente: l'anno scorso dopo appena 6' di gioco mi fratturai il setto nasale".

Vinci e Rosti verso l'addio. Non si ferma qui il mercato amaranto anche perchè l'Arezzo come le altre società di Lega Pro dovrà tener presente la regola delle rosa bloccate a 24 giocatore (16 over e 8 under). Una sorta di partita a scacchi nella quale per ogni over in arrivo un altro dovrà fare i bagagli e al momento in cima alla lista dei partenti figurano i nomi di Vinci e Rosti.

"In un certo senso potremmo dire che Sabatino è andato a prendere il posto di Sperotto, mentre per Benedetti occorreva togliere un giocatore dai 24 - ha spiegato Ciardullo. Purtroppo Vinci è stato frenato dagli infortuni. Ho parlato sia con il procuratore che con il ragazzo, una persona seria e corretta a cui auguro le migliori fortune. Per quanto riguarda Rosti purtroppo dobbiamo fare i conti con la regola degli under. Qui ad Arezzo avrebbe trovato poco spazio e a quel punto abbiamo pensato di cercare un portiere under da affiancare a Baiocco". Defendi sotto osservazione. Saranno giorni decisivi anche per Edoardo Defendi, attaccante infortunatosi lo scorso ottobre alla caviglia e ormai prossimo al rientro. L'Arezzo, se la punta tornerà presto a lavorare a pieno regime, potrebbe anche decidere di non investire risorse nel reparto offensivo confermando l'attuale parco attaccanti. Dalla conferma di Defendi di fatto passa anche il tesseramento di Gennaro Esposito, centrocampista classe 1985, di cui Ciardullo ha detto "fosse per me lo tessererei subito, ma dobbiamo guardare l'età e il bilancio".

Il binario del calciomercato corre parallelo a quello dei rinnovi. Carlini, Monaco e Tremolada sono i maggiori indiziati tra coloro che nei prossimi giorni riceveranno una proposta di rinnovo da parte del direttore sportivo. Un modo anche per togliere di mezzo tutte le sirene di mercato che vorrebbero anche alcuni club di Serie B interessati ai tre amaranto, vedi ad esempio Perugia e Ascoli che avrebbero sondato il terreno per Monaco. Per i rinnovi c'è tempo fino alle 23 del 1° febbraio. A partire da quella data i giocatori in scadenza potranno firmare contratti con nuove società.

Twitter @MatteoMarzotti

Si parla di

Video popolari

Ciardullo: "Ecco Benedetti e Sabatino. A breve parleremo anche di rinnovi"

ArezzoNotizie è in caricamento